Ponte San Ferdinando è da rifare: il Comune spenderà 18 mila euro

Critico Verna (Pd): «Non tocca all'Ente pagare». Brucchi: «Raggiunto un accordo salomonico»
14 febbraio 2014

TERAMO – Ponte San Ferdinando è da rifare: il Comune dovrà spendere 18 mila euro. Una situazione criticata dal consigliere del Pd Maurizio Verna. «Non può essere l’Ente a dover sborsare questa somma: le colpe della cattiva tenuta della pavimentazione sono ascrivibili alla ditta che ha realizzato l’opera, al progettista, al direttore dei lavori, che dovrebbero avere delle assicurazioni ad hoc per queste evenienze non è possibile che ricada tutto sul Comune». Il sindaco Maurizio Brucchi ha però risposto che il Comune ha provveduto a denunciare l’impresa che ha svolto l’intervento, chiedendo di rifarlo a sue spese. C’è stato un accordo transattivo che prevede che il Comune contribuisca in parte alle spese del ripristino. «E’ stato un accordo salomonico – conclude Brucchi – mi fido di quello che consiglia l’ufficio legale, che ha preferito chiudere il contenzioso. Ricordo al centrosinistra che, per non aver pagato circa 50 milioni di vecchie lire per un esproprio in piazza Sant’Anna quando era la governo della città, adesso il Comune si torva con un debito di 1,2 milioni». 

Voto medio (2 voti; 4.00)
Vota:
counter