Provincia, Di Bonaventura ridisegna i settori e assume un dirigente tecnico

Separate edilizia e viabilità in vista dei numerosi impegni e progettazioni legati alla ricostruzione. A giorni le nomine
19 marzo 2019

TERAMO - Il presidente della Provincia, Diego Di Bonaventura, ha firmato la riorganizzazione della macrostruttura dell'Ente: una redistribuzione di servizi in 5 aree oltre agli uffici di diretta dipendenza del Presidente (Segretario generale, Polizia Provinciale, Ufficio di Gabinetto e Nucleo di Valutazione).
Nell’area 1 si ritrovano i servizi generali e amministrativi, il supporto giuridico alla presidenza e alla segreteria generale; nell’area 2 ci sono il bilancio, il personale, il patrimonio, le società partecipate e l’ambiente; nell’area 3 la viabilità, le emergenze, i trasporti e gli espropri; nell’area 4 l’edilizia, la stazione unica appaltante, gli appalti e l’urbanistica; nell’area 5 l’avvocatura.
L’area tecnica, quindi, viene suddivisa in due servizi (da una parte l’edilizia e dall’altra la viabilità mentre fino ad oggi confluivano in un unico settore con un unico dirigente che aveva anche la responsabilità degli appalti, dell'urbanistica, delle partecipate e del patrimonio per citare i servizi più "pesanti") con la previsione di due dirigenti: si tratta, infatti, dell’area maggiormente investita dalla responsabilità delle opere della ricostruzione e da impegni di progettazione, appalti e rendicontazione.
“Nell’ambito delle ripristinate capacità assunzionali delle Province confermate dalle leggi di bilancio abbiamo approvato un Piano di riassetto - ha commentato il presidente - che individua come priorità assoluta l’assunzione di un dirigente tecnico per la viabilità e lo andremo a reperire con un concorso pubblico dopo aver esperito tutte le procedure di mobilità richieste dalla legge. Abbiamo decine di progetti e milioni di euro da spendere per sistemare la rete viaria e le scuole, dobbiamo supportare la struttura per farla lavorare meglio”.
Nei prossimi giorni Di Bonaventura provvederà ad assegnare le funzioni dirigenziali delle aree così come redistribuite. Attualmente l’Ente può contare su due dirigenti di formazione giuridico/amministrativa, di un dirigente avvocato e del Segretario Generale.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter