Rapinarono l'ufficio postale di Colonnella, dopo aver picchiato il direttore: arrestati due napoletani, denunciati i basisti

Operazione dei carabinieri del reparto operativo. Il colpo fruttò 22.500 euro, i dipendenti furono legati e rinchiusi nello sgabuzzio
08 luglio 2019

TERAMO - I carabinieri del reparto operativo del Comando provinciale di Teramo hanno arrestato due napoletani di 40 e 46 anni, residenti a Giugliano, ritenuti i responsabili materiali della rapina messa a segno all'ufficio postale di Colonnella, il 10 novembre scorso. In quella occasione, due malviventi, com il volto parzialmente coperto, simulando il possesso di un'arma, attesero il direttore e le due dipendenti l'arrivo alla filiale postale, costringendoli ad entrare. Una volta all'interno si fecero aprire la cassaforte dalla quale prelevano 22.500 euro, fuggendo non prima di aver legato con il nastro adesivo il personale dipendente, rinchiuso in uno sgabuzzino. Attraverso le indagini dei carabinieri, che successivamente alla rapina aveva ritrovato anche l'auto usata per il colpo, una Fiat rubata a Monteprandone (Ascoli Piceno), e le intercettazioni è stato possibile identificare gli autori del colpo e altre due persone, di cui si sospetta il ruolo di basisti. Nei confronti di questi ultimi due, residenti in provincia di Ascoli Piceno, è scattata la denuncia a piede libero per favoreggiamento. Nei confronti dei due il gip del tribunale di Teramo, Roberto Veneziano, su richiesta del pm Enrica Medori, ha disposto l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per concorso in rapina aggravata.

Voto medio (1 voti; 5.00)
Vota:
counter