Ricostruzione: domani a Teramo il sottosegretario Crimi dirige la riunione con i sindaci. E poi incontrerà gli sfollati

La visita di due giorni del delegato del Governo al post-sisma potrebbe dare importanti risposta a un territorio con 4mila sfollati. Poi visita al Duomo con Vacca
29 gennaio 2019

TERAMO - Il tema della ricostruzione sarà affrontato in maniera forse decisiva (si spera) domani in occasione della visita a Teramo del Sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, il senatore pentastellato Vito Crimi. La visita istituzionale prevede un incontro in prefettura nel pomeriggio e poi una riunione plenaria nella sala consiliare della Provincia, in via Giannina Milli, dove dovrebbero essere presenti non soltanto il commissario alla ricostruzione Piero Farabollini, ma anche tutti i sindaci del cratere abruzzese. La seconda fase della riunione sarà riservata ai rappresentanti degli ordini professionali, mentre alla fine Crimi vorrà incontrare anche la cittadinanza. Si tratta di un incontro tanto atteso quanto ricco di aspettative. In particolare per Teramo, che vive la condizione drammatica di circa 4mila sfollati del sisma 2016-2017 e fino ad oggi non ha visto grandi passi avanti nei cantieri della ricostruzione. Anzi, dopo la sostituzione del direttore dell'Usr, Marcello D'Alberto, il triumvirato nominato temporaneamente non ha mosso granché di più, in attesa ovviamente dei risultati delle elezioni regionali. La visita di Crimi a Teramo proseguirà anche giovedì mattina: sarà impegnato in un sopralluogo allaCattedrale, accompagnato dal sottosegretario ai beni culturali, sempre dei Cinquestelle, l'abruzzese Gianluca Vacca e, molto probabilmente, dal vescovo di Teramo, monsignor Lorenzo Leuzzi.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter