«Salvate la chiesa del '400 di Poggio Valle»

Il grido di allarme arriva dalla frazione di Torricella dove gli abitanti nel '72 ricostruirono da soli le case crollate
31 agosto 2016

TERAMO - Il grido di allarme per salvare la chiesa quattrocentesca di Santa Apollinare a Poggio Valle di Torricella Sicura arriva nel corso della conferenza stampa di presentazione del raduno regionale degli alpini che si terrà a Castellalto nel week-end. Lo porta Orfeo Tassoni, capogruppo alpini di Torricella, ed è rivolto all'assessore Mario Mazzocca in persona: «La chiesa è chiusa dal sisma del 2009 - ha detto Tassoni - ma la scossa del 24 agosto è stata determinante, è crollata una delle tre volte e c'è bisogno di un intervento urgente. Se nel settembre 2009 siamo riusciti a rimettere a posto una parte del tetto a nostre spese, stavolta non ce la facciamo e bisogna chiedere aiuto. Siamo abbandonati dalle itituzioni, ia dall'amminitrazione che dalla Curia». Nella frazione torricellese, la più vicina al confine con le zone colpite dal sisma, gli abitanti, dopo il catastrofico sisma del novembre del 1972, che fece crollare tutte le abitazioni, hanno ricostruito da soli le case con criteri antisismici, con tetti in legno e reti nelle intercapedini, «e sia nel 2009 che stavolta non abbiamo subito alcun danno», ha aggiunto Tassoni. La chiesa di Santa Apollinare, datata al 1400, ampliata e ritrutturata nel 1850, custodisce due dipinti del '600 - uno dei quali danneggiato - e un prezioso organo a mantice del '400. L'assessore Mario Mazzocca, presente all'incontro a Teramo, ha raccolto l'appello e si è impegnato a recarsi a Poggio Valle nel suo prossimo giro nel Teramano, per la verifica dei danni del sisma.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter