Sant'Atto, il grido di protesta tra montagne di rifiuti e progetti mancati

D'Angelantonio di Azione Politica denuncia la presenza delle discariche nella zona industriale e chiede il destino dell'ampliamento del cimitero
06 aprile 2018

TERAMO - La zona industriale di Sant'Atto ridotta ogni giorno di più a discarica, con le aree verdi ricettacolo di immondizia: la denuncia arriva da Giuseppe D'Angelantonio, di Azione Politica, che sottolinea il problema con cui la frazione teramana convive da tempo ormai: «E' una situazione cronica - dice -, tanto discussa da chi di dovere, ma mai affrontata e risolta. Tutta la zona, compresa l’area industriale che è stata attenzionata durante il terribile incendio alla Richetti, è ora ripiombata in un silenzio interrotto solo dagli aggiornamenti sul degrado in cui sta sprofondando». Ma non ci sono soltanto i rifiuti a preoccupare questa comunità. L'ampliamento del cimitero è infatti dimenticatoio: «Il progetto risalente al 2007 - spiega D'Angelantonio -, è stato oggetto di impegni presi sia dall’ex sindaco Brucchi che dal Comitato di frazione Sant'Atto, ma i loro interventi si sono concretizzati in un nulla di fatto. L’avvio dei lavori era previsto a dicembre del 2014 e non sono mai iniziati. Noi residenti -  conclude l'espontente di Azione Politica - chiediamo da tempo un intervento su vari fronti: l’illuminazione è carente, la sicurezza stradale inesistente e ovunque rifiuti abbandonati. Tutto ciò non può essere più tollerato. In passato non abbiamo avuto risposte, è arrivato il momento di cambiare e agire per dare respiro alla nostra comunità, ascoltando le sue espressioni e soddisfacendo le aspettative».

Voto medio (9 voti; 4.89)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
  • Luis
    Scritto il 08 aprile 2018 alle ore 13:05:00
    Quanta ipocrisia in un solo comunicato stampa. Il giovane candidato ha scelto un pessimo maestro.
  • Cris
    Scritto il 06 aprile 2018 alle ore 20:20:00
    Ragazzo dalle idee chiare..... Speriamo riesca a dare voce alla periferia degradata
Ultimi commenti
Loading...