Sequestro per vendetta trasversale

Roseto, imbianchino albanese ostaggio per una partita di droga non pagata dai parenti
10 maggio 2007
TERAMO  Avevano sequestrato un imbianchino albanese che vive e lavora a Roseto, per vendetta per una partita di droga non pagata da alcuni suoi parenti: come riscatto, dietro la minaccia di ucciderlo, avevano chiesto la cessione di un terreno edificabile a Durazzo di proprietà del padre del sequestrato. Attraverso una finta compravendita, gli agenti del Servizio centrale operativo dell'Aquila e della squadra mobile di Teramo, sotto la direzione della Procura distrettuale antimafia dell'Aquila, hanno smascherato gli organizzatori del sequestro, ottenendo l'emissione di tre ordinanze di custodia cautelare in carcere per concorso in sequestro di persona nei confronti di tre cittadini albanesi trentenni. Uno di loro, Roland Bendo, è stato bloccato in Albania al momento della firma del falso atto notarile; il fratello di costui, Ervin e il terzo complice, Erjon Lamaj, considerati gli autori materiali del sequestro e carcerieri, sono tuttora ricercati in ambito internazionale. Il sequestro si verificò nello scorso mese di gennaio e la difficile trattativa, con la seria possibilità di una esecuzione della vittima, è stata condotta e conclusa in appena quattro giorni, grazie anche alla fattiva collaborazione della polizia e della procura albanese di Durazzo, coordinata dal procuratore capo Erik Ligori. Gli uomini della polizia abruzzese, coordinati dai dirigenti Cesare Ciammaichella e Gennaro Capasso, sono riusciti a organizzare la trattativa in territorio albanese con la falsa promessa, attraverso un intermediario infiltrato, di concludere il passaggio di proprietà del terreno edificabile di un valore molto più alto del debito (che ammontava a circa 50. 000 euro), riuscendo contestualmente a far liberare l'ostaggio, rinchiuso in un appartamento di Torino: è stato allora che è scattata l'operazione congiunta italoalbanese che ha portato all'arresto a Durazzo di Roland Bendo e alla successiva caccia ai due latitanti.
Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter