Si lascia cadere nel vuoto da ponte San Ferdinando: muore sul colpo un 63enne FOTO

Un'altra tragedia dopo quella alla Cona in sole 24 ore: la vittima identificato in nottata, non aveva documenti addosso
21 maggio 2020

TERAMO - E' stata un'altra sera tragica in città. Ancora non spenta l'eco della morte della giovane cameriera alla Cona, la cronaca registra un altro suicidio, sempre nella tarda serata, stavolta a Ponte San Ferdinando. La vittima è Gennaro Tardivo, 63 anni: secondo una prima valutazione del medico del 118, giunto sul posto con gii infermieri, oltre ai vigili del fuoco e agli agenti della squadra volante della questura. A segnalare il tragico gesto, attorno alle 22:30, è stata una coppia di passanti che hanno notato l'uomo camminare freneticamente lungo il marciapiedi e all'improvviso scavalcare il parapetto e buttandosi nel vuoto dopo aver gettato l'ombrello in strada. I soccorsi sono stati anche in questo caso inutili. Il cadavere - addosso al quale non erano stati trovati documenti di identità ed è stato identificato in nottata - è stato composto in attesa dell'autorizzazione del magistrato al trasferimento in ospedale, che è giunta di lì a poco.

Voto medio (11 voti; 4.36)
Vota:
counter