Sicurezza scuole, Di Sabatino chiede emendamenti al decreto sisma

Ascoltato in Commissione bilancio della Camera, il presidente chiede che anche le Province abbiano ruolo nella ricostruzione
15 novembre 2016

TERAMO - Emendamenti ai decreti post sisma per garantire la sicurezza delle scuole superiori: a presentarli le Province italiane, con il presidente della Provincia di Teramo Renzo Di Sabatino, quello di Rieti Giuseppe Rinaldi e i rappresentanti dell'Unione Province che sono stati ascoltati in commissione bilancio alla Camera.

Pur in una fase di transizione, infatti, che si chiuderà dopo il referendum Costituzionale del 4 dicembre, le Province continuano ad esistere e gestiscono un vasto patrimonio immobiliare di cui fanno parte scuole e strade. Ma nonostante questo, come denunciano gli stessi enti locali, "nei decreti post sisma, che dovranno essere convertiti in legge, non si fa cenno né agli enti provinciali né alle scuole superiori". Da qui la decisione di presentare degli emendamenti. "Abbiamo presentato una serie di emendamenti per modificare alcuni passaggi che potrebbero creare un vulnus amministrativo e legislativo - spiega Di Sabatino - pur condividendo l'impianto della governance per il coordinamento degli interventi riteniamo sia necessario un esplicito passaggio che ricomprenda tutti gli enti locali, non solo i Comuni, e il loro patrimonio. Sono innegabili i danni, e quindi la necessità di una ricostruzione in sicurezza sismica, delle scuole superiori così come degli altri edifici pubblici.

Abbiamo chiesto, quindi, che anche alle Province interessate dal sisma, pienamente coinvolte nel processo di progettazione e gestione degli interventi, siano estese tutte le previsioni per i Comuni in maniera da poter affrontare questa difficile e complessa partita con la completa garanzia della copertura dei costi certo non sostenibili senza un provvedimento a monte".

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter