Specifico per il terremoto il bando per il servizio civile con 89 posti nel Teramano

Le domande scadono il 15 maggio. Un anno di impegno per giovani fino a 29 anni, per circa 430 euro mensili
04 maggio 2017

TERAMO - Saranno 89 nella provincia di Teramo (su 163 totali in Abruzzo) i volontari del servizio civile, selezionati attraverso un bando straordinario, che saranno impegnati nei progetti gestiti dal Centro Servizi per il volontariato dell'Aquila, Anpas e Croce Rossa e pensato su misura per le aree terremotate del Centro Italia. Il bando, i cui termini di partecipazione scadono alle 14 del prossimo 15 maggio, permetterà ai giovani fino a 29 anni, in un anno, retribuito con un contributo di circa 430 euro mensili, «di formarsi su funzioni e competenze di rilievo profesionale - come ha spiegato il presidente della Provincia, Renzo Di Sabatino, illustrandolo questa mattina - Pur non avendo più alcuna competenza nel sociale abbiamo deciso di mantenere le funzioni riguardanti il servizio civile proprio per l’alto valore aggiunto che attribuiamo a questa esperienza». Anche l’ente Provincia beneficerà del bando visto che sono previsti 4 volontari che affiancheranno gli uffici tecnici impegnati nelle opere di ricostruzione. Alla conferenza stampa sono intervenuti, oltre alla dirigente Renata Durante, i referenti dei soggetti attuatori che sono Simona Santilli del Centro Servizi per il Volontariato dell’Aquila, Raoul Pomanti presidente del Comitato locale di Teramo della Croce Rossa e Marino Oliverii coordinatore dell’Anpas (Associazione nazionale Pubbliche assistenze).

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter