Tunisino senza vita in una cella di Castrogno, mistero sulle cause

Aperta un'inchiesta dalla Procura: il magistrato ha disposto l'autopsia al Mazzini
09 gennaio 2017

TERAMO - Un tunisino di 32 anni, detenuto nel carcere di Castrogno, è stato trovato senza vita nella sua cella del penitenziario teramano dal personale di custodia durante ii passaggio per la colazione: era nel suo letto, nella stanza dove è rinchiuso da solo. I soccorsi sono stati vani perchè quando è stato trovato era già deceduto. Sulle cause della morte però non c'è ancora chiarezza. Potrebbe trattarsi di una morte naturale ma la procura, nella persona del pm Bruno Auriemma, vuole conoscere il movo del decesso: ha aperto un fascicolo e ha disposto che venga effettuata l'autopsia, che potrebbe tenersi nelle prossime ore. La salma è stata messa a disposizione e trasferita all'obitorio dell'ospedale Mazzini di Teramo. Della vittima si sa che era rinchiuso nel carcere teramano dallo scorso mese di ottobre, quando vi era stato trasferito da Avezzano: stava scontando una condanna per reati legati agli stupefacenti e avrebbe avuto il 'fine pena' nel 2019.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
Loading...