Tutti si dicono dalla parte dei lavoratori dell'Hatria. Lolli: «Convochiamo l'azienda martedì, questo territorio non può sopportare un'altra grossa mazzata»

Il vicepresidente della Regione, consiglieri regionali, sei sindaci e perfino il Vescovo all'assemblea aperta svoltasi dinanzi all'azienda. Brucchi: «Ho scritto alla De Micheli»
05 ottobre 2017

TERAMO - Fronte comune, a difesa non soltanto di 55 posti di lavoro, ma di un territorio e di una comunià già profondamente colpita nel tessuto sociale da sisma e calamità naturali. Lo hanno dimostrato questa mattina i rappresentanti di Regione, Provincia, Comuni e perfino il vescovo Michele Seccia, partecipando all'assembela aperta a difesa dei lavoratori Hatria, da due settimane in sciopero e alle prese con la completa chiusura dell'azienda nella trattativa sindacale, a circa una decina di giorni dalla scadenza della cassa integrazione a rotazione e le lettere di licenziamento. Il primo passo concreto, come richiesto dai lavoratori e dai sindacati territoriali Cgil e Cisl, lo ha annunciato  il vicepresidente della Regione, Giovanni Lolli: «Convocheremo martedì, assieme a Provincia e Comuni, l'azienda a cui spiegheremo che non deve discutere soltanto sl fronte sindacale ma rendere conto a un intero territorio che ne ha passate davvero tante e un'altra batosta non può sopportarla. Sono però preoccupato - ha aggiunto Lolli -, perche sono portato a fidarmi delle aziende che portano un piano industriale, che noi poi finanziamo quando credbile e serio. Io vorrei sentirmi tranquillo che anche qui possiano vedere un progetto per i prossimi anni. I dipendenti sono disponibili a rinunciare a parte del proprio salario per salvare il posto di lavoro e aiutare a crisi finanziaria dell'azienda, ma l'azienda deve togliere dal tavoli i licenziamenti». Il sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi sottoporrà all'attenzione del neo commissario per la ricostruzione post sisma, De Micheli, la vicenda Hatria: «Chiederò ogni tipo di sforzo - ha detto il primo cittadino - perchè questo territorio deve ripartire dopo il terremoto e non può certo ripartire con 55 licenziamenti. E' una cosa gravissima che va sicuramente evitata». Alla manifestazione c'erano anche i consiglieri regionali Leandro Bracco, Giorgio D'Ignazio e Sandro Mariani, e oltre a Brucchi i sindaci di Bellante, Torricella Sicura, Notaresco, Castellalto e Penna Sant’Andrea.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
Ultimi commenti
Loading...