Una famiglia nel degrado, padre a processo per violenza sessuale su figlia e suocera

L'uomo ha chiesto e ottenuto il rito abbreviato: è accusato anche di maltrattamenti sulla moglie (a giudizio anche lei) e l'altro figlio. La ragazzina affidata ad un famigliare
16 febbraio 2017

TERAMO -  È una storia di abusi e maltrattamenti consumati in famiglia quella che oggi, al termine dell'udienza preliminare davanti al gup Giovanni De Rensis, ha visto un 50enne teramano chiedere ed ottenere di essere processato con rito abbreviato con l'udienza fissata per il prossimo mese di giugno. L'uomo, che risiede in un paese della costa teramana, deve rispondere di violenza sessuale nei confronti della figlia minorenne, di violenza sessuale e maltrattamenti nei confronti dell'anziana suocera e di maltrattamenti nei confronti della moglie e del figlio. A giugno si terrà anche l'udienza preliminare a carico della mamma della minore, per la quale il pm Laura Colica, titolare del fascicolo, ha chiesto il rinvio a giudizio per maltrattamenti nei confronti della figlia per aver cercato di convincerla a far tornare il padre a casa dopo l'ordinanza di allontanamento del giudice.

Le indagini, che nei mesi scorsi avevano portato all'allontanamento dell'uomo dalla casa familiare e alla sospensione per entrambi i genitori della potestà genitoriale, con la ragazzina, minore di 14 anni, affidata ad un altro famigliare, erano scattate lo scorso anno dopo una segnalazione dagli insegnanti della ragazzina. Insegnanti che, notando un suo cambiamento, erano riusciti a strapparle qualche confidenza. Da qui l'apertura di un fascicolo nei confronti dell'uomo, con le indagini affidate alla polizia nel corso delle quali erano emersi anche la violenza nei confronti della suocera e i maltrattamenti nei confronti dell'intero nucleo familiare.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
Loading...