Villa Pavone, via i passaggi a livello. Ecco il progetto della rotatoria

Comune e Ferrovie raggiungono l'intesa. L'opera costa 5 milioni di euro
13 febbraio 2014

TERAMO - E' stata raggiunta oggi in Comune l'intesa definitiva con le Ferrovie per ridisegnare la viabilità di Villa Pavone con cui si dà di fatto il via libera alla soppressione dei 4 passaggi a livello. Ad annunciarlo è stato il sindaco Maurizio Brucchi che ha spiegato come per l'opera siano stati gia stanziati 5 milioni di euro provenienti dall'assessorato ai Trasporti della Regione (3) e dalle Ferrovie delle Stato (2). Oltre alla realizzazione di una rotonda interrata all'altezza del nucleo industriale di Villa Pavone (qualche centinaio di metri oltre l'attuale passaggio a livello dell'entrata del cimiterio comunale di Cartecchio, l'opera prevede una strada a 4 corsie: due in sottopasso  che dalla rotatoria condurranno agli ingressi del passaggio ferroviario e altre rispettivamente in entrata e in uscita da Teramo. Su questa arteria - che si innesterà con la rotatoria interrata sulla statale 80 Teramo-Giulianova - confluirà anche il traffico in uscita dalla Teramo-Mare delloi svincolo Giulianova, che attualmente transita dinanzi alla chiesa di Cartecchio. Scompariranno dunque i passaggi a livello di Cartecchio, del cimitero, di Villa Pavone all'incrocio di via Melozzi e quello all'altezza delle concessionarie. Sono previsti due attraveramenti pedonali: uno a Cartecchio, l'altro a Villa Pavone. Il progetto validato oggi dovrà adesso ricevere l'ok definitivo in Giunta comunale. Terminato questo passaggio si potrà dare il via libera all'espletamento delle precedure di gara previste nel giro di sei mesi. I lavori dovrebbero durare invece all'incirca un anno.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter