Si riapre la trattativa sulla vertenza Dg Capital Service

Al tavolo della Provincia anche il vicepresidente regionale, Giovanni Lolli e il sindaco di Castellalto
13 dicembre 2017

TERAMO - Si riapre la trattativa per la vertenza DG Capital service di Castellalto, azienda specializzata nella selezione e cernita di materiali da riciclo che ad agosto ha dato avvio al licenziamento collettivo dei 79 dipendenti. E’ quanto emerge all’esito dell’incontro che si è svolto al tavolo delle relazioni industriali della Provincia al quale hanno preso parte, oltre al presidente Renzo Di Sabatino anche l’assessore regionale alle attività produttive, il vicepresidente Giovanni Lolli e il sindaco di Castellalto, Vincenzo Di Marco. L’azienda sarebbe disponibile ad un incentivo all’esodo per chi decide di andare via e, qualora questo fosse accettato da almeno una ventina di dipendenti, a ritirare il contratto di prossimità, attualmente applicato a tutti, per tornare a quello multiservizi. Una possibile soluzione alternativa ai licenziamenti alla quale hanno lavorato in queste settimane anche le istituzioni dopo il mancato accordo del 7 novembre. “Abbiamo chiesto all’azienda di formalizzare la proposta emersa nel corso della riunione e ai sindacati e ai lavoratori di prendersi del tempo per riflettere: nel rispetto delle posizioni di ciascuno vogliamo fare il possibile per scongiurare i licenziamenti e mantenere aperto il sito produttivo - sintetizza Renzo Di Sabatino -". "Certamente siamo di fronte ad una ipotesi nuova – sostiene Giovanni Lolli – l’azienda ha fatto un passo avanti anche sulla base delle richieste avanzate dalle istituzioni locali che in queste settimane hanno lavorato ad una soluzione di mediazione”. Particolarmente attento all’andamento della trattativa il sindaco di Castellalto per i riflessi occupazionali che coinvolgono direttamente il suo territorio e che in queste settimane ha più volte incontrato i vertici della Dg Capital service. Al tavolo delle relazioni industriali hanno preso parte i rappresentanti sindacali aziendali, Diane Calvarese dei Cobas; Mirco D’Ignazio della Cgil, Alberto Di Battista della Ugl, Emidio Angelini della Uil. La procedura è seguita dal funzionario provinciale Pierluigi Babbicola.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
Ultimi commenti
Loading...