Bando periferie, Misticoni: «Progetto non escluso, i finanziamentii arriveranno» VIDEO

L'assessore comunale rassicura dopo le polemiche sul 111esimo posto: «Entro il 2017 altri 1,6 milioni e ci siamo anche noi»
11 gennaio 2017

TERAMO - Niente allarmismi, il progetto del Comune di Teramo - qualificatosi 111esimo su 120 - non è stato bocciato dal Bando delle periferie: non rientra tra i primi 24 che saranno finanziati per primi con la dotazione originaria di 500 milioni di euro, ma avrà lo stesso i fondi perchè il milione e 600mila euro necessari sono già previsti nella Finanziaria 2017. Lo assicura l'assessore comunale Valeria Miticoni: «E' solo questione di tempo - dice - perchè tutti i progetti previsti dalla graduatoria avranno copertura di partecipazione e dunque i 12,6 milioni richiesti arriveranno entro l'anno anche a Teramo». Secondo quanto afferma il Comune teramano, per coprire l'intera necessità dei progetti presentati da città capoluogo e metropolitane, servono 2,1 miliardi di euro che saranno resi disponibli dalla norma di bilancio varata dal Governo. Il progetto teramano, messo giù assieme a Rfi e Ater, prevede l'arreramento della stazioe ferroviaria, la realizzazione di una piazza per la Gammarana tra viale Crispi e via Roma, l'abbattimento dell'ex stadio comunale (fatta eccezione per la Curva Est) con successiva riqualificaazione, il recupero delle 'casette basse' di via Piave.  

Guarda l'intervista all'assessore Valeria Misticoni

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter