Brucchi apre e chiude con 15 consiglieri: passano Adsu e rottamazione, poi tutti fuori dall'aula

Consiglio comunale tesissimo: salta il blitz sul numero legale, si litiga sulle surroghe, si vota. Ma poi come previsto, opposizione e dissidenti abbandonano l'Ipogeo
20 aprile 2017

TERAMO - Come previsto, nonostante il passaggio 'buonista' tutti attorno a Brucchi per concordare il nuovo ordine del giorno, il consiglio comunale di Teramo si è aperto con 15 consiglieri e si è chiuso con lo stesso numero di presenti. Che se bono per approvare alcuni dei provvedimenti come quelli odierni, perchè seduta in seconda convocazione, sono un minimo storico che in altre occasioni manderebbe a casa l'amministrazione Brucchi.
Passati i provvedimenti che “per coscienza" andavano votati, i dissidenti di maggioranza (ai tre dell'ultima ora si sono aggiunti quelli che sono da tempo fuori, Puglia, Campana e Micheli) e tutta l'opposizione (oggi mancava soltanto Pomante, assente giustificato), hanno lasciato l'Ipogeo, lasciando il sindaco e la sua minima maggioranza in ambasce a votare quello che restava e si poteva approvare così.
Cosa era successo prima? 

Il Consiglio comunale parte con un blitz. Al secondo appello nominale c'erano 15 consiglieri presenti e il presidente Milton Di Sabatino ha aperto i lavori. In aula non c'erano, nel centrodestra, i tre consiglieri dissidenti (Caccioni, Falasca e Sbraccia), quelli della Lista civica Al Centro per Teramo (Puglia e Campana), Micheli di Fratelli d'Italia. L'opposizione al completo fuori del Consiglio. Adesso i lavori sono aperti (e in aula ci sono tutti) con la richiesta di Puglia di invertire l'ordine del giorno.
Ordine del giorno invertito: Adsu e rottamazione subito.. I lavori proseguono in un clima molto teso, e la polemica è alimentata dalla lite sull'interpretazione della norma sul voto o meno della ratifica delle sostituzioni in consiglio dei tre assessori appena nominati. Dopo un feroce battibecco tra la presidenza e le opposizioni, in particolare con D'Alberto e Beradini, i capigruppo si sono incontrati e hanno superato il problema interpretativo e hanno concordato l'inversione dell'ordine del giorno. Adesso i lavori proseguiranno con il seguente nuovo ordine del giorno: ratifica accordo di programma per la realizzazione della casa dello studente Adsu, rottamazione delle cartelle esattoriali, relazione della corte dei conti, affidamento della tesoreria comunale e regolamento sulla cosap, infine gli ordini del giorno dei consiglieri Berardini e Cardelli.
FALASCA: «TUTTO OVVIO, ANCHE LA MIA USCITA DA FUTURO IN». Molto atteso è stato l'intervento di Vincenzo Falasca, uscito da Futuro In assieme a Caccioni, che ha ribadito il concetto di consiglieri pensanti e non chiamati soltanto ad alzare la mano. L'uscita dal gruppo che fa riferimento a Paolo Gatti un gesto ovvio, secondo Falasca, quando si è in minoranza. A proposito di casa dello studente e di interventi di riqualificazione cittadina, Falasca un appello l'ha rivolto all'assessore all'urbanistica e al sindaco, invitandoli a pensare che la riqualificazione del tessuto urbano non è argomento che riguardi soltanto Teramo ma l'intera provinca di cui Teramo è capoluogo.
L'ACCORDO E LA VARIANTE URBANISTICA PER L'ADSU PASSA CON 29 SI'. Alla fine la ratifica dell'accordo di programma con l'Adsu e l'Università di Teramo (con relativa variante urbanistica) per la realizzazione della Casa dello studente, passa con 29 voti favorevoli e due contrari (Marroni e Cardelli) e l'astensione di Berardini.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
  • cittadino nauseato
    Scritto il 20 aprile 2017 alle ore 14:25:00
    egregio sig.Sindaco vattene a casa!
Ultimi commenti
Loading...