Il sindaco D'Alberto apre la verifica: "Diamo il via a un nuovo inizio". Ecco la lettera aperta

Il primo cittadino lancia un appello "a tutte le forze civiche e democratiche del Consiglio comunale" dando inizio ai ragionamenti politici sul rimpasto in maggioranza
15 gennaio 2020

TERAMO - La verifica politica, chiamatela pure rimpasto o allargamento o azzeramento della giunta comunale, diventa 'operativo' con la lettera aperta che il sindaco Gianguido D'Alberto ha pubblicato nel pomeriggio. Un segnale politico (e programmatico) che richiama tutti, nel centrosinistra civico che ha vinto le ultime elezioni amministrative, a un coinvolgimento pieno nelle sfide che il governo comunale deve ancora affrontare. A molti sembra un nuovo programma elettorale, seppur sintetico e sui grandi temi, tuttavia si tratta di un appello ai compagni di viaggio che intrapresero l'avventura nel giugno 2017, affinchè si ritrovino nuova linfa e nuovo slancio. Ma l'orizzonte allargato sui grani temi della città, a cominciare dalla sanità e il nuovo ospedale, la Ricostruzione, il ruolo di traino del capoluogo, il rilancio economico, fanno intuire un messaggio più forte e più profondo, lanciato a tutte "le forze civiche e democratiche presenti dentro e fuori il Consiglio Comunale, a tutti i partiti che condividono i nostri valori e i nostri obiettivi". D'Alberto vuole dunque lanciare "una nuova fase dell’azione politica e amministrativa del  Comune", suonando forse la campanella dell'ultimo giro a chi oggi siede in opposizione ma che ha dimostrato di poter e voler essere contiguo alla maggioranza. Il fermento che anima anche i civici della prima ora, vedi il passaggio da Teramo 3.0 a Italia Viva della vicesindaca Marroni e dei due consiglieri Luzii e Di Teodoro e la campagna acquisiti che sembra essersi scatenata attorno a questa novità, rende la situazione politica all'interno e attorno al Governo D'Alberto molto fluida e passibile di novità ulteriori.

Ecco il testo della lettera aperta del sindaco Gianguido D'Alberto:

"Quando nel giugno 2017, insieme ad alcuni colleghi consiglieri e ad alcuni amici, abbiamo dato voce alla richiesta dei nostri concittadini di un qualcosa di nuovo, capace di dare risposte concrete a quelle istanze che troppe volte erano rimaste inascoltate da parte di chi amministrava, siamo ripartiti dal basso. 
Abbiamo dato un senso a quel civismo democratico che doveva essere il perno di un’azione di rilancio della nostra Teramo, duramente provata dalle calamità naturali che avevano colpito il nostro territorio, e da scelte messe in campo da una classe dirigente che aveva anteposto interessi personali al perseguimento del bene collettivo. Civismo, inteso come nobiltà di sentimenti civili, alto senso dei propri doveri di cittadino e di concittadino, che spinge a trascurare o sacrificare il benessere proprio per l’utilità comune.

Lo abbiamo fatto partendo non da una posizione antitetica, di opposizione, quanto piuttosto in un’ottica di collaborazione con quanti condividessero i nostri principi e i nostri obiettivi.
Oggi, di fronte alle tante sfide che abbiamo davanti, alla complessità della fase che vive la nostra amata Teramo, alle scelte coraggiose che dovranno essere prese, sentiamo il dovere di confrontarci con quanti condividono le nostre preoccupazioni.
Del resto abbiamo davanti a noi sfide impegnative per la rinascita del nostro territorio e per far si che si riaffermi la centralità di Teramo capoluogo della nostra Provincia, come volano per tutto il territorio: dalla Vibrata alla vallata del Fino, dalla costa alla nostra amata e martoriata montagna.
Una ricostruzione che stenta a ripartire e che ad oggi rappresenta la più grande emergenza e quindi la nostra priorità di intervento e di azione; una ricostruzione che però non si può esaurire esclusivamente nell’obiettivo certamente centrale di far tornare i teramani nelle loro case, ma bensì deve acquisire una dimensione anche economica e sociale, per far sì che si torni ad investire sul nostro territorio, che i teramani tornino protagonisti del proprio futuro.
La tutela della salute dei nostri concittadini, che passa da una discussione franca sul nuovo ospedale. Su questo, ancora una volta voglio essere chiaro: non è un tema di contenitore, bensì di contenuto. È allora prioritario batterci insieme per far sì che Teramo abbia un ospedale di secondo livello, migliorando il servizio reso ai nostri concittadini, abbattendo le liste d’attesa e tutelando i professionisti che quotidianamente vivono il proprio lavoro come una missione. Solo dopo potremo concentrarci, senza campanilismi, sulla valutazione di quale sia il miglior sito per la nuova struttura.
Il contrasto all’allontanamento da Teramo di ulteriori presidi. Da anni continua il processo di svendita del nostro territorio, di cui la Camera di Commercio rappresenta solo un ultimo capitolo: ebbene non possiamo rassegnarci all’idea che Teramo diventi un grande paesotto, ma bensì dobbiamo rivendicare un ruolo di traino per tutta la Provincia. È proprio su questo campo che verrà misurata la nostra capacità di essere davvero capoluogo di Provincia: un fulcro, un centro nevralgico, capace con scelte lungimiranti, di contribuire e di essere volano per la ripresa di un territorio assai ampio e diversificato. Ad altri lasciamo l’illusione che indebolire Teramo possa significare un qualche tipo di crescita per altri Comuni; a noi la consapevolezza di dover essere motore di spinta e di rilancio: una Teramo più forte significherà una Provincia più forte.
E quindi mi rivolgo a tutte le forze civiche e democratiche presenti dentro e fuori il Consiglio Comunale, a tutti i partiti che condividono i nostri valori e i nostri obiettivi, per dare il via ad una nuova fase dell’azione politica e amministrativa del nostro Comune.
Un nuovo inizio, in cui tutti abbiano pari dignità e cittadinanza nella definizione dei percorsi e delle decisioni future.
Siamo sempre stati guidati dall’amore che nutriamo per la nostra Teramo; oggi, con la generosità politica che è stata per noi un elemento caratterizzante, ci apriamo con l’obiettivo di dare nuova linfa e nuovo slancio ad un’esperienza già di per sé elettrizzante ed entusiasmante, con la consapevolezza di non essere i soli ad avvertire la responsabilità che oggi deriva dal ruolo che siamo chiamati ad esercitare"

Voto medio (3 voti; 3.67)
Vota:
counter