Pronti 6 milioni di euro per il Ponte di Castelnuovo

Dalla Regione fondi anche per l'uscita della Pedemontana a San Nicolò. Chiodi: «Spesi tutti i fondi europei e abbasato le tasse, mai debito così basso dal 1970»
07 gennaio 2014

TERAMO - La Regione ha stanziato i fondi necessari alla Provincia per la realizzazione del nuovo ponte di Castelnuovo la cui stabilità è stata messa a rischio dall'erosione del fiume Vomano e dalle alluvioni degli ultimi anni. Per la realizzazione del ponte di Castelnuovo era stata inizialmente destinata una somma di 3milioni e 100mila euro (insufficiente al completamento) ma con la rimodulazione dei fondi Fas sono stati destinati ulteriori 2milioni e 900mila euro che consetirano a fine mese di partire con l'appalto dell'opera.  A presentare questa mattina l'intervento in Provincia l'intervento, alla presenza del presidente Valter Catarra e dell'assessore Elicio Romadini, è stato il presidente Gianni Chiodi e il segretario generale Enrico Mazzarelli, che hanno annunciato un ulteriore stanziamento di oltre 3milioni di euro per altri piccoli interventi di viabilità. La ripartizione di questa somma servirà a realizzare una rampa di uscita dalla Pedemontana a San Nicolò, la messa in sucurezza del ponte San Giovanni a Roseto e la realizzazione di una rotatoria all'altezza dell'accesso all'area industriale di Roseto di Santa Petronilla. Soddisfazione ha espresso il governatore per la capacità di spesa dell'Abruzzo sui fondi europei: "Siamo una Regione che dal 2007 a oggi non riceve più un euro di finanziament statale, che ottempera al welfare e al sociale con garanzie proprie - ha detto Chiodi -. Nonostante questo per la prima volta dal 1970 lasciamo una Regione con meno debiti e tasse di quanto abbiamo ereditato, e meno enti e carrozzoni. Molto si può anora tagliare, e sei governeremo ancora noi, come certamente accadrà - ha concluso il governatore - porteremo a compimento questo processo di razionalizzazione".

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter