Quaresimale nominato coordinatore territoriale di Noi con Salvini. E' il primo sindaco abruzzese nella Lega

La lettera di nomina firmata dai responsabili regionale Bellachioma e provinciale Fioretti: sabato investitura formale a Pescara
28 settembre 2017

CAMPLI - La nomina l'ha ricevuta con una lettera che è agli atti ufficiali del Movimento e sul tavolo del suo leader, Matteo Salvini, firmata dal coordinatore regionale Giuseppe Bellachioma e da quello provinciale Piero Fioretti: Pietro Quaresimale, sindaco di Campli, da oggi è il coordinatore territoriale di "Noi con Salvini" per la provincia di Teramo. Dopo i rumors, le fotografie al raduno di Pontida con la fascia tricolore indosso e i commenti politici sull'indiscrezione, ecco l'ufficialità sancita dalla nomina. Quaresimale sarà investito del suo nuovo ruolo sabato a Pescara nella sede regionale di NcS e presto dallo stesso Salvini nella sua annunciata visita a Teramo entro la prima metà di ottobre. Quaresimale entra a far parte anche del coordinamento regionale del movimento ed è il primo sindaco abruzzese che entra nell'organizzazione della Lega.

Voto medio (2 voti; 5.00)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
  • Mauro
    Scritto il 29 settembre 2017 alle ore 15:35:00
    Il pittore Francisco Goya nel 1797 realizzò “Il sonno della ragione genera mostri”. La scena raffigura, proprio al centro della composizione, un uomo sprofondato nel sonno, con la testa appoggiata di lato su un tavolo; essendo la ragione sprofondata nel torpore del sogno, il dormiente (probabilmente Goya stesso) genera un inferno terreno di bestie mostruose, dai connotati spiccatamente negativi, secondo i dettami dell’abbondante tradizione iconografica di questi animali. Queste creature, come suggerito dal titolo, sono in realtà prodotte dalla stessa mente dell’uomo addormentato. Chi ha orecchie per intendere intenda.
Loading...