Si consuma nella terra di Pannella, nel giorno della presentazione di "+ Europa", lo strappo tra i radicali

Duro attacco del segretario di Agl, Di Nanna, ad Emma Bonino: «Da sempre in controtendenza a Marco, ci risparmi i suoi spot elettorali»
05 gennaio 2018

TERAMO - Si consuma proprio in Abruzzo, terra natale del suo leader storico e fondatore, lo strappo finale tra gli attivisti del Partito radicale. Nel giorno della presentazione, a Pescara, della lista "+ Europa", movimento che fa riferimento ad Emma Bonino, contro la ex pasionaria arrivano gli strali del segretario di Amnistia, Giustizia e Libertà, il teramano Vincenzo Di Nanna: «In questi anni ne abbiamo viste tante, ma ci vuol coraggio a portare proprio nella sua terra la negazione della politica di Marco Pannella, presentandola pure con il 'marchio' radicale: la Bonino risparmi almeno all'Abruzzo i suoi spot pubblicitari - dice Di Nanna -». Secondo il segretario di Agl, negli anni è perdurata la confusione che equivocava tra «le iniziative riconducibili realmente al Partito Radicale con quelle, totalmente in controtendenza, della Bonino e dei suoi epigoni - scrive Di Nanna -, chi già allora disertava le principali tematiche radicali mirando apertamente alla conquista di spazi informativi». Appare strano «come questi 'radicali' si ricordino soltanto ora che ci sono le elezioni di una regione che dall'ultima volta in cui si sono fatti vedere (dalle telecamere), ovvero i funerali di Pannella, ne ha passate veramente tante, dal terremoto alle frane, dalle bufere ai lunghi giorni di black-out». Di Nanna conclude ricordando che la sola Rita Bernardini, presidente di Agl, era presente, la stessa che oggi ha rifiutato la candidatura nelle liste di "+ Europa" ma continua a portare avanti quella a Garante dei detenuti abruzzesi.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
  • Cosimo Artieri
    Scritto il 05 gennaio 2018 alle ore 15:20:00
    Dovreste fare gli scioperi della fame anche a favore di chi il reato lo ha subito e quasi sempre non ha ricevuto giustizia
Loading...