Commozione all'Izs per la scomparsa della ricercatrice Prencipe

La giovane professionista è scomparsa in mattinata: allestita la camera ardente nell'Istituto di via Campo Boario
01 ottobre 2014

TERAMO - Grande commozione ha suscitato all'Istituto zooprofilattico "G. Caporale" di Teramo e nel mondo universitario e della ricerca la notizia della scomparsa della dottoressa Cinzia Prencipe, ricercatrice dell'Istituto, che ha perso la sua dura battaglia con il male. Il direttore sanitario dell'istituto, Savini, ha voluto esprimere a nome suo e dei colleghi tutta la sua vicinanza per una perdita pesante sotto il profilo umano innanzitutto e poi sotto quello della professionista dedita al suo lavoro: «E' andata via in silenzio, quasi in punta di piedi com’era suo costume vivere, dopo una lunga e dolorosa malattia alla quale non si è mai voluta piegare. Con orgoglio ostinato è rimasta con noi fino a quando ha potuto, facendo del lavoro una ragione di vita, una fonte di forza e di energia per combattere contro un destino inesorabile che non le ha consentito una prova d’appello. Per Cinzia - scrive Savini - l'Istituto è sempre stato la sua seconda famiglia, la sua casa. Sin da quando è arrivata, giovane ricercatrice all'inizio della carriera, non si è mai risparmiata, non ha mai negato le sue energie e ha sempre messo a disposizione di tutti noi il suo studio, la sua passione, la sua determinazione ad arrivare sempre fino in fondo. Cinzia è sempre stata una certezza, una fonte di conoscenza, un giudizio pacato, una risposta sicura. Con discrezione e determinazione allo stesso tempo, ha cercato i suoi spazi, ha raggiunto i suoi traguardi e con lei l’Istituto ha potuto guadagnarsi la stima, la fiducia e la credibilità che servono per dialogare a livello nazionale e soprattutto internazionale. Con la sua scomparsa - aggiunge il direttore sanitario dell'Izs - si spegne una luce, la luce della conoscenza e della saggezza che hanno sempre guidato le sue scelte e il suo percorso. Se ne va anche una persona generosa, che ha voluto dedicare tempo e fatica a tutto e a tutti, senza mai tirarsi indietro, senza mai dire di no, senza mai anteporre le proprie priorità. Grazie Cinzia, grazie per aver fatto tanta strada con noi e per aver inseguito i tuoi sogni tra le mura di un laboratorio, il nostro. Grazie per aver fatto della tua dignità soprattutto nella malattia, un modello di coraggio e impegno, un esempio di volontà e caparbietà che resteranno per noi un insegnamento». Una camera ardente, che resterà aperta fino a domani e che è già mèta di tante persone, è stata allestita all'Istituto zooprofilattico di via Campo Boario. I funerali sono in programma nella chiesa di San Berardo alle 16 di domani, giovedì.

Voto medio (1 voti; 5.00)
Vota:
counter