Sarà l'Izs di Teramo a certificare la qualità delle carni pregiate della Namibia

Si rafforza la cooperazione scientifica tra i due Paesi
15 febbraio 2016

TERAMO - Grazie alla collaborazione scientifica più che ventennale tra il Laboratorio veterinario centrale sella Namibia (uno dei pochissimi Paesi africani autorizzati all’esportazione di carne bovina verso l’Europa) e l’Istituto zooprofilattico di Teramo, dall’inizio del 2016 all’Istituto zooprofilattico di Teramo è stata affidata la responsabilità di certificare la salubrità delle carni namibiane dal punto di vista dei residui chimici. Già nei prossimi giorni arriveranno in Italia e saranno esaminati nei laboratori di Teramo i primi campioni per escludere la presenza di sostanze dannose per la salute umana. Le attività sono interamente finanziate dal governo della Namibia con circa 360mila euro in due anni. Come ha dichiarato Massimo Scacchia, responsabile delle attività dell’Izs nell’Africa meridionale: “L’approccio etico ha sempre caratterizzato i nostri rapporti di collaborazione scientifica con il sud del Mondo. In questo caso abbiamo proposto un progetto che impegna il nostro personale in modo continuativo nelle attività formative in loco, al fine a rendere il Laboratorio namibiano indipendente nell’esecuzione di questi esami chimici. Questo progetto di cooperazione scientifica di durata biennale conferma il ruolo di primo piano dell’IZS dell’Abruzzo e del Molise nella cooperazione internazionale e la fiducia che molti governi esteri ripongono nei confronti dell’ente di ricerca teramano. Le immense estensioni di territorio namibiano, il cui Pil è strettamente connesso alla Zootecnia, hanno incoraggiato un allevamento bovino basato esclusivamente sul pascolo; quindi bestiame allevato nel rispetto delle norme sul benessere animale, che produce una delle carni più pregiate al mondo: basti dire che la carne di bovino namibiano è la migliore in assoluto per la produzione della famosa Bresaola. Negli ultimi anni l’esportazione namibiana si sta aprendo sempre più a nuovi mercati come gli Stati Uniti d’America e la Cina. Naturalmente l’esportazione di questo alimento di origine animale è condizionata da rigorosi controlli microbiologici e dei residui chimici, poiché i Paesi importatori impongono limiti stringenti che, se superati, bloccherebbero il commercio estero con gravi conseguenze per l’economia locale. Le analisi chimiche sono le più complesse per la difficoltà d’esecuzione, per la necessità di apparecchiature molto costose e soprattutto per l’inadeguata formazione del personale tecnico dei laboratori veterinari africani.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter