Scoperta a Teramo la tecnica per "riprogrammare" gli ovociti e salvare le specie a rischio

Il gruppo guidato da Pasqualino Loi è riuscito a 'travestire' una cellula da spermatozoo per ingannare l'ovulo
25 novembre 2015

TERAMO - Cellule adulte 'travestite' da spermatozoi ingannano l'ovulo per convincerlo a riprogrammarle, facendole tornare bambine: grazie ad una tecnica messa a punto in Italia, le ricerche della clonazione possono riprendere dopo 18 anni di tentativi con scarsissimi successi. Pubblicata sulla rivista Cell Reports, la tecnica è stata messa a punto dal gruppo dell'università di Teramo guidato da uno dei pionieri delle ricerche sulla clonazione, Pasqualino Loi. Tra le applicazioni, la tutela di specie a rischio. Gli esperimenti sulla clonazione condotti negli ultimi 15 anni consistevano nell'estrarre da una cellula adulta e differenziata il suo nucleo, ossia la struttura centrale nella quale è impacchettato il Dna, e nel trasferirlo in un ovulo che in precedenza era stato privato del suo nucleo. Le sostanze e i segnali rimasti nell'ovulo avrebbero fatto il resto, stimolando il nucleo della cellula adulta a tornare indietro nel tempo, fino a trasformarlo in quello di una cellula bambina e indifferenziata. «E' stata una strada piena di difficoltà: i cloni che nascevano avevano molti difetti e avevano un'alta percentuale di mortalità - ha detto Loi all'Ansa -». La spiegazione di tutti questi insuccessi è nel fatto, ha aggiunto, che «in milioni di anni di evoluzione l'ovocita non ha mai ricevuto cellule somatiche, ma solo spermatozoi e sa come trattarli». E' così che il gruppo di Loi si è messo al lavoro in cerca di un'alternativa, nella ricerca che ha come primi autori Domenico Iuso e Marta Czernik e condotta in collaborazione con gruppi di ricerca francesi e polacchi. «Ci sono voluti dieci anni di lavoro - ha aggiunto Loi - per costringere una cellula somatica differenziata a diventare uno spermatozoo». E' stato possibile trasferendo nella cellula adulta la proteina chiamata protamina, che viene prodotta nelle fasi finali di maturazione degli spermatozoi: una volta introdotta nella cellula adulta, la proteina ne trasforma la struttura, dandole la forma allungata caratteristica degli spermatozoi. Quanto basta per ingannare l'ovocita e spingerlo a riprogrammare la cellula. «Applicando questa tecnica in vitro - ha detto Loi - abbiamo ottenuto un numero di embrioni doppio rispetto a quello prodotto finora con la tecnica tradizionale».

Voto medio (1 voti; 5.00)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
Loading...