Il Rally d'Abruzzo non solo sulle strade: ci saranno anche un 'motor show' a Piano d'Accio e un mini circuito a Giulianova

Il pilota Dedo con la collaborazione di Guido Campana al lavoro per conto dell'Aci alle manifestazioni di contorno
27 luglio 2018

TERAMO - Il Rally d’Abruzzo, in programma dal 7 al 9 settembre a Teramo, non sarà solo un appuntamento sportivo. La kermesse, oltre a far rivivere le emozioni del vecchio rally del Gran Sasso agli appassionati e offrire una finestra sulle nuove tecnologie con la versione del rally elettrico, rappresenterà una occasione speciale per valorizzare il territorio, le sue tipicità e le sue eccellenze. Ma non solo. Gli eventi collaterali, a partire dal coinvolgimento del Centro commerciale Gran Sasso, trasformeranno quell’area di Piano d’Accio in una sorta di Motor Show dove oltre al rombo delle autovetture, le famiglie e i visitatori saranno intrattenuti da contest musicali, fotografici oltre a una esposizione delle produzioni artigianali di pregio, così come non mancheranno attività connesse alla sicurezza stradale. La macchina organizzativa del rally, guidata da Alfredo De Dominicis (detto Dedo) in collaborazione con la Motorsport Italia e il patrocinio dell’ACI di Teramo, ha previsto anche il coinvolgimento delle migliori aziende e start-up del territorio, oltre a collaborazioni di colossi industriali come Toto Costruzioni che si occuperà delle pannellature di un mini-circuito che verrà allestito a Giulianova nel corso di un evento automobilistico promosso in collaborazione con l’Ente Porto. 

Per quanto riguarda la promozione delle tipicità, invece della ‘solita’ coppa per i vincitori, il Rally d’Abruzzo si caratterizzerà anche nel tipo di premio che verrà consegnato e che rappresenterà in modo concreto una delle eccellenze d'Abruzzo, come i vini delle cantine del territorio e le ceramiche di Castelli. Saranno infatti i maestri ceramisti a realizzare un premio dedicato all’occasione che servirà anche come strumento di marketing territoriale visto che gran parte dei piloti e dei loro equipaggi arriveranno da fuori regione. Regalare loro un cesto con le migliori tipicità abruzzesi sarà un piccolo ma concretissimo strumento per veicolare la qualità che l’Abruzzo è in grado di esprimere oltre i suoi confini. Per allargare il coinvolgimento dei teramani, oltre alla mera finalità sportiva della competizione su fondo sterrato, parallelamente al Rally d’Abruzzo, è stato organizzato anche un raduno di Fiat 500 d’epoca oltre a un Photo Contest mirato a valorizzare l’evento e il territorio. Una giuria qualificata, in collaborazione con un'ampia giuria popolare, premierà i migliori scatti e video con premi che, ancora una volta, sapranno portare valore sul territorio. Il concorso si svolgerà tutto nell’ambito dei social (Facebook, Instagram...) mediante la condivisione di immagini scattate o riprese durante la gara taggate con l’hashtag: #rallydabruzzo2018. Non mancherà una vetrina dedicata alla lettura e a “Lectus Teramo” che approfondirà aspetti, grandi storie e aneddoti legati a uomini, donne e motori. Responsabile logistico del Rally e di tutte le iniziative collegate sarà Guido Campana in qualità di membro della commissione sportiva dell’Aci presieduta proprio dal pilota Dedo De Dominicis. 

Orari delle gare, iniziative collaterali e informazioni sul tracciato sono consultabili sul sitowww.rallydabruzzo.com. Il presidente dell’Aci di Teramo Carmine Cellinese così invece ha voluto ricordare il contributo della Provincia: «Un grazie speciale va al presidente Renzo Di Sabatino e all’ente che guida in via Milli che ha provveduto a ripristinare alcune strade coinvolte nella manifestazione e che grazie al generoso intervento della Provincia sono nuovamente fruibili alla collettività».

Voto medio (1 voti; 5.00)
Vota:
counter