Il Teramo resta a Piano d'Accio, torna la pace tra Cantagalli e Campitelli

Intanto il sindaco lancia un concorso di idee per l'intitolazione dello stadio
31 maggio 2012

TERAMO – Pace è stata suggellata stamattina alla presenza del sindaco Brucchi, tra Sabatino Cantagalli e Luciano Campitelli per la gestione dello stadio comunale. Anche la prossima stagione la squadra neopromossa in C2, tornerà ad allenarsi nella struttura di Piano d’Accio grazie all’intesa raggiunta sui costi di gestione della struttura . A Cantagalli sarà versata una cifra (non esplicitata in conferenza stampa) a cui aggiungere una percentuale degli introiti sulla pubblicità che comparirà nello stadio. A mediare tra i due “nemici-amici” è stato il sindaco Brucchi che nel corso di una conferenza spiritosa, animata da gag e reciproche stoccatine, ha chiarito anche che per gli allenamenti delle giovanili rimarrà a disposizione l’impianto del vecchio stadio comunale mentre l’assessore Campana è al lavoro per trovare posto anche alla squadra di rugby. Il Comune ha inoltre concesso i diritti di superficie a Cantagalli per l’installazione di un impianto fotovoltaico che servirà a ridurre i costi delle utenze. Soddisfazione per l’accordo è stata manifestata dalle parti che si dichiarano pronte a gettare le basi per un sodalizio duraturo e che, come precisato da Campitelli, non vada a scapito dei tifosi, e degli appassionati che in caso di forfait della trattativa sarebbero stati costretti a lunghe trasferte per seguire i beniamini. Intanto passi avanti sono stati fatti quest’oggi anche per l’intitolazione dello stadio. Il sindaco Brucchi ha annunciato per la prossima settimana la pubblicazione di un concorso di idee aperto a tutti i teramani per arrivare a una figura condivisa dai cittadini e dai tifosi sull’intitolazione dell’impianto prima dell’inizio del campionato

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter