Il Teramo torna al Bonolis, c'è il Sudtirol. Asta: «Loro nel momento migliore»

Il tecnico teramano crede nel lavoro della squadra e nella politica di un punto alla volta. Amadio, Caidi e Barbuti le certezze
04 novembre 2017

TERAMO - (jacopodifrancesco) Per allungare la striscia, per allontanarsi dalla palude playout e perché in una classifica priva del Modena i playoff sarebbero più alla portata di quanto ci si aspettasse: il Teramo torna davanti al suo pubblico, e cercherà contro il SudTirol la terza vittoria stagionale.
Gli altoatesini hanno ottenuto sette punti nelle ultime tre uscite, con la vittoria interna di domenica contro il Vicenza per 1-0; sono una delle migliori difese del girone, dalla mediana in su mettono sul prato molto talento e sanno ripartire sfruttando le fasce, con giocatori come Fink e Cia. Da segnalare anche una vecchia conoscenza del calcio abruzzese, il terzino Kevin Vinetot, a Giulianova nel 2008.
Questo il pensiero di Asta sulla gara che attende il Diavolo: "Mi basterebbe non perdere, così come per il mese di novembre. Un punto alla volta può allontanarci dalla zona rossa della classifica. Siamo una squadra giovane - ha spiegato - non devo pensare di vincere per forza. Di certo dobbiamo diventare bravi nel non passare sempre in svantaggio, perchè alla lunga può penalizzarci". 
Poi ha parlato di come affrontare i tirolesi a livello tecnico: "Giocheremo contro il peggiore avversario possibile in questo momento. Nelle ultime tre gare hanno subìto pochissimi tiri in porta e zero reti: stanno lavorando bene ed hanno individualità importanti. E’ vero che dovremo avere pazienza, ma non siamo una squadra in grado di palleggiare in una certa maniera: dovremo aggredirli ed alzarci con il baricentro di qualche metro. Per far male agli avversari - ha proseguito - dobbiamo ripartire alti e coprire quei quaranta metri restanti. Secondo me non stiamo ancora esaltando come dovremmo le qualità dei nostri singoli". 
Chiusura inerente ai singoli: "Amadio e Caidi giocheranno, come Barbuti, anche perchè avremo tre partite in una settimana e ci sarà spazio per tutti. Tulli è un giocatore forte per la categoria, anche lui riconosce di non aver giocato una grande gara a Bergamo, ma questa settimana l’ho visto frizzante al punto giusto. Zanetti - ha continuato - è un allenatore giovane che l’anno passato era alla Berretti a Reggio Emilia ed in questo si sta giocando bene le sue carte. Ha trovato un sistema tattico in grado di valorizzare il materiale a disposizione e la squadra ha la sua impronta, con l’aggiunta preziosa di una grande serenità".
Probabile formazione Teramo: (3-5-2) Calore; Altobelli, Caidi, Speranza; Ventola, De Grazia, Amadio, Ilari, Varas; Tulli, Barbuti.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter