Si ferma la striscia positiva del Teramo sconfitto a Fermo (2-0) sugli unici due tiri dei marchigiani

I padroni segnano poco dopo essere rimasti in 10 e resistono, raddoppiando, alla pressione biancorossa
04 novembre 2018

TERAMO - Si fa sorprendere con una leggerezza difensiva il Termo a Fermo, dopo un primo tempo giocato senza infamia e senza lode (e avara di azioni degne di nota su entrambi i fronti), proprio nel momento in cui, con la Fermana ridotta in dieci per l'espulsione di Soprano, si pensava a poter uscire indenni dal 'Recchioni'. Il rosso per doppia ammonizione (la seconda per fallo su Bacio Terracino involato verso l'area di rigore) è arrivata al 59', la rete del vantaggio canarino al 63' (Scrosta). Sulla carta la Fermana ha tirato due sole volte in porta ottenendo il massimo risultato, la seconda (79') con un gran tiro dai 25 metri di Zerbo che ha centrato l'angolo in alto della porta di Lewandowski. Maurizi appena preso il gol ha mandato in campo (67') Zecca per Bacio Terracino, Ventola per Mastrilli, Ranieri per Spighi (aveva già cambiato Piccioni con Barbuti da inizio ripresa): il risultato è una pressione costante verso la porta e la Fermana in grande difficoltà. all'82' Maurzi tenta la carta del quarto attaccante in campo (Fratangelo al posto di Fiordaliso). Tra le occasioni evidentissime per i teramani, il pallonetto del goleador di Coppa, Zecca (73'), con la palla che non centra lo specchio della porta e la dopia chance di Barbuti, con il tiro alto in piena area (81') e il diagonale fuori porta su respinta con i piedi del portiere Ginestra (91'). Si ferma dunque al Ricchhioni di Fermo la striscia positiva di 4 gare vinte di fila del Teramo, in un match dal quale, al cospetto della vice capolista, i ragazzi di Agenore Maurizi escono comunque a testa alta. Il tabellino della gara:

FERMANA (4-3-1-2): 12 Ginestra, 15 Clemente, 6 Soprano, 14 Scrosta, 16 Sarzi; 8 Misin, 20 Giandonato (73′ Iotti), 4 Urbinati; 10 D’Angelo (56′ Zerbo); 24 Maurizi, 29 Lupoli (73′ Cognigni). A disp.: 28 Marcantognini, 2 Calzola, 3 Guerra, 17 Kacorri, 21 Marozzi, 26 Palumbo, 27 Fofana, 30 Contaldo, 31 Ceriani.
All.: Destro.
TERAMO (3-5-2): 22 Lewandowski, 23 Caidi (VK), 6 Speranza (K), 26 Piacentini; 2 Fiordaliso (82′ Fratangelo), 20 Spighi (67′ Ranieri), 8 Proietti, 10 De Grazia, 13 Mastrilli (67′ Ventola); 11 Bacio Terracino (67′ Zecca), 14 Piccioni (47′ Barbuti). A disp.: 1 Pacini, 12 Natale, 3 Vitale, 5 Zenuni, , 17 Cappa, 18 Persia, 24 Mantini. All.: Maurizi.
Arbitro: Alessio Clerico di Torino. Assistenti: Gualtieri di Asti e Massimino di Cuneo. 
Reti: 63′ Scrosta (F), 79′ Zerbo (F).
Note. espulso Soprano (F). Ammoniti: Soprano (F), Urbinati (F), Spighi (T), Piacentini (F). Presenti circa 250 tifosi del Teramo.

 

Voto medio (2 voti; 3.00)
Vota:
counter