Teramo, tensione continua: la bandiera Grilli litiga e se ne va. Nuovi ingressi nello staff

Il preparatore dei portieri discute con lo staff nell'allenamento di ieri pomeriggio al Bonolis. Risolto il rapporto di collaborazione, subentra Oliverio
18 febbraio 2017

TERAMO - Il clima di tensione in seno al Teramo calcio miete un'altra vittima eccellente. Fabrizio Grilli, ultima bandiera biancorossa, capitano di una delle migliori squadre della grande storia calcistica biancorossa, si separa dal Teramo. E lo fa con una scenata pubblica, davanti a tanti spettatori, nel corso della seduta pomeridiana di ieri allo stadio Bonolis del Teramo calcio. Grilli ha discusso con grande veemenza con lo staff e con Ugolotti, alla presenza del presidente Campitelli, abbandonando la seduta di allenamento. La conseguenza è stata ufficializzata questa mattina, con la risoluzione del rapporto di collaborazione che lo legava al Teramo come preparatore dei portieri (che scadeva il 30 giugno). 
«Ho sbagliato e chiedo scusa – le parole dell’ex Capitano biancorosso - è giusto prendere la decisione di separarci. Mi prendo le mie responsabilità, ringrazio la società per l’opportunità concessami in estate di tornare a Teramo e per aver fatto il possibile per trattenermi, ma evidentemente non è destino ed è meglio lasciare. Auguro con il cuore alla squadra ed alla città di raggiungere il traguardo della permanenza in Lega Pro».
Fabrizio Grilli sarà temporaneamente sostituito da Giuseppe Oliverio, già operante nel Settore Giovanile biancorosso. «Il club - ha scritto la società in una nota - intende ringraziare sentitamente Grilli per l’impegno, la passione e la dedizione alla causa profuse in questi mesi e gli augura le migliori fortune professionali e umane, auspicando come questo possa essere solo un arrivederci».
Nuovi ingressi nello staff. In mattinata la società ha comunicato il nuovo ingresso di due professionisti nello staff tecnico a disposizione del tecnico Guido Ugolotti. Il nuovo allenatore in seconda è Manolo Liberati, 42 anni, originario di Tivoli, l’anno scorso alla guida del Monterotondo, mentre Massimiliano Lattanzi, 44 anni, nativo di Roma, già preparatore atletico della Berretti biancorossa, viene promosso ufficialmente in prima squadra.

 

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter