Gli inafferrabili del bancomat colpiscono alla Tercas di Sant'Egidio: è il colpo numero 19. Hanno atteso la fine del turno del vigilante. Bottino ingente, quasi 50mila euro

SANT’EGIDIO – Ha centrato un bottino molto più consistente, rispetto ai precedenti assalti ai bancomat, la banda della marmotta che questa mattina all’alba ha fatto saltare il 19esimo distributore automatico di denaro, quello della Popolare di Bari Tercas in corso Adriatico a Sant’Egidio. Era il 20 ottobre dello scorso anno quando si registrò il primo colpo a San Nicolò e il 24 dicembre quando per la prima volta comparve l’esplosivo, a Tortoreto Paese: da allora la banda ha colpito in 14 filiali della ex Tercas, provocando danni milionari e bottini di poca consistenza. Stavolta però avrebbe portato via 50mila euro, perchè il colpo è stato anticipato al venerdì notte, con il bancomat caricato alla chiusura della filiale per il week end. Questa di corso Adriatico è una delle filiali che Popolare di Bari ha deciso di sorvegliare con postazione fissa di una guardia giurata dell’Italpol, secondo un piano di difesa da questi assalti che pha previsto anche la messa fuori servizio di circa 60 sportelli automatici nei fine settimana laddove non difendibili altrimenti. Ma la banda della marmotta ha studiato bene il piano di Sant’Egidio e ha colpito quando la guardia giurata ha finito il turno, in un orario in cui le prime luci del giorno fanno pensare che sia trascorsa l’ora di un assalto armato. E invece il boato tra le 5 e le 5.30 ha confermato che il gruppo con esplosivo è agguerrito. Almeno quattro malviventi, a bordo della solita autovettura di colore nero, dal posizionamento dell’esplosivo alla fuga con i soldi hanno impiegato pochissimi minuti. Dietro di loro hanno lasciato il solito panorama di devastazione, con infissi dilaniati e muratura sfondata, banconi e altri arredi danneggiati da metteere fuori uso per un pò l’attività della filiale. Ai carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Alba Adriatica e della stazione di Sant’Egidio le indagini sull’ennesima puntata di una serie noir che sta terrorizzando un’intera provincia.

Leave a Comment