Bimbo di 4 anni ucciso dal trattore manovrato dal padre

La tragedia a Pescara nell’area antistante la casa colonica dove vive la nonna. Il piccolo investito mentre era in bicicletta

PESCARA – Tragedia a Pescara, dove nel pomeriggio un bimbo di 4 anni e’ morto dopo essere stato travolto da un trattore. Stando alle prime informazioni dei soccorritori, il mezzo era guidato dal padre. L’incidente è accaduto in strada del Palazzo. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del bambino. Presenti anche le forze dell’ordine per gli accertamenti del caso.

La tragedia si è consumata in un’area di campagna, in collina, nella zona nord di Pescara. Visibile, nel terreno adiacente all’abitazione, il trattore, mentre a terra c’è una bicicletta. Stando alle prime informazioni, il bimbo era in bici, quando è stato travolto dal mezzo. Il corpo del piccolo, coperto da un telo bianco, si trova a pochi metri di distanza, davanti ad una rimessa. È probabile che il padre, dopo l’incidente, lo abbia preso in braccio e spostato, in un disperato tentativo di soccorrerlo. Sul posto ci sono la Polizia locale, la Polizia di Stato e i carabinieri. Sono al momento in corso i rilievi della Polizia scientifica.

Il piccolo stava passando la domenica a casa della nonna. Nel luogo dove è avvenuta la tragedia vive, infatti, la madre dell’uomo. Il bambino, stando a quanto riferiscono alcuni vicini, già in mattinata era stato visto in giardino a giocare. Nell’area verde adiacente all’abitazione ci sono diversi giochi: un tappeto elastico per saltare, un’altalena, un canestro. La famiglia del piccolo, stando alle prime informazioni, vive a Montesilvano. Il bimbo ha una sorella più grande. Il papà del piccolo, in stato di shock, è stato
accompagnato in ospedale dal 118. Pare che il bimbo, dopo aver giocato con l’altalena, abbia preso la bicicletta e si sia avvicinato al trattore, venendo travolto. Ad occuparsi degli accertamenti del caso è la Polizia locale di Pescara, guidata dal comandante Danilo Palestini.
 

Leave a Comment