Chirurgia cardiologica mininvasiva, al Mazzini è la nuova frontiera

La seconda vita del reparto di eccellenza dell’ospedale teramano guidato dal primario Filippo Santarelli: in un anno +20% negli interventi grazie anche alla rinuncia alle ferie del personale

TERAMO – “L’unità di Cardiochirurgia dell’ospedale di Teramo è sempre stata punto di riferimento regionale per il trattamento chirurgico delle patologie cardiache“: lo ha dichiarato il direttore generale della Asl, Maurizio Di Giosia, stamattina nell’ambito della conferenza stampa per fare il punto dell’attività svolta dall’unità operativa dal momento dell’insediamento di Filippo Santarelli, il 16 maggio scorso.

Nell’ottica di consolidamento e rilancio di questa funzione, la direzione strategica ha così perseguito un progetto che, facendo leva sull’introduzione di tecniche innovative, rendesse la cardiochirurgia teramana attraente anche agli utenti non abruzzesi. Ha con determinazione proceduto, pertanto, a ricercare professionisti che potessero concorrere alla realizzazione di tale progetto, in un percorso che, partendo dalla base di un solidità acquisita nel tempo, è necessariamente passato attraverso la nomina di un direttore che avesse maturato esperienza nell’ambito della chirurgia mininvasiva ed endovascolare, attuale frontiera della cardiochirurgia“. Il direttore generale ha posto anche l’accento sull’importanza della collaborazione che rende vincente un gruppo composto da specialisti di cardiochirurgia, rianimazione cardiochirurgica, cardiologia ed emodinamica, radiologia e radiologia interventistica, chirurgia vascolare.

Santarelli ha spiegato che “i vantaggi della chirurgia mini-invasiva sono innegabili e vanno dalla riduzione del trauma chirurgico alla ridotta alterazione dinamica respiratoria, alla conseguente riduzione dei tempi di recupero e di ricovero e del rischio di infezione di ferita, alla riduzione delle aderenze post-operatorie in caso di necessità di re-intervento oltre che del dolore post-operatorio e a un migliore risultato estetico e ridotte conseguenze psicologiche. Attualmente la UOC di cardiochirurgia ha incrementato del 20% l’attività chirurgica rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (maggio-agosto 2022). Un risultato ottenuto grazie al senso di abnegazione del personale che, d’estate, ha anche rinunciato alle ferie“.

Le principali tipologie di intervento eseguite dalla Cardiochirurgia teramana. Il trattamento della patologia della valvola aortica e dell’aorta ascendente viene eseguito prevalentemente con accesso mini-invasivo in mini-sternotomia, con una piccola incisione a livello mediano del torace. La patologia valvolare mitralica viene preferenzialmente trattata mediante una piccola incisione di 6 cm in posizione laterale del torace (mini-toracotomia) con una visione della valvola sia diretta sia attraverso l’uso di una telecamera e uno schermo. Alcune patologie mitraliche, in pazienti ad alto rischio chirurgico, sono approcciate dal cardiochirurgo senza utilizzo della ‘circolazione extracorporea’ e senza necessità di fermare il cuore, attraverso una piccola incisione del torace di 2 cm inserendo sotto guida ecografica o angiografica delle corde tendinee (NEOCHORD) o delle protesi valvolari (TENDYNE) per riparare o sostituire la valvola nativa malata.

Gli interventi di rivascolarizzazione miocardica (by-pass coronarici) in caso di malattia ischemica cardiaca e di infarto miocardico sono eseguiti di routine mediante il prelievo endoscopico dei condotti dalla gamba e dal braccio, necessari per confezionare i bypass. Tale prelievo endoscopico prevede un taglio di 2 centimetri e l’inserimento di uno strumento endoscopico che attraverso una telecamera permette di isolare il condotto necessario ed estrarlo integro evitando incisioni lungo tutta la gamba o tutto il braccio. Tale procedura riduce del 60-80% le complicanze di ferita, riduce il dolore post-operatorio e il periodo di degenza in ospedale oltre ad essere particolarmente vantaggioso per pazienti obesi, diabetici e vasculopatici.

La UOC di Cardiochirurgia è il primo centro Cardiochirurgico in Abruzzo a utilizzare tecniche totalmente endovascolari per il trattamento della patologia dell’aorta ascendente e dell’arco aortico. Tali tecniche evitano di ‘aprire’ il torace, si eseguono attraverso una puntura a livello delle arterie inguinali e del braccio, senza ‘fermare’ il cuore, senza arrestare la circolazione sanguigna e senza ‘raffreddare’ l’organismo, con enormi vantaggi soprattutto nei pazienti più fragili. Queste procedure sono rese possibili grazie a modelli tridimensionali e stampe 3D ricavate dalle immagini TAC dei pazienti, le quali permettono di produrre delle protesi su misura che vengono impiantate sotto visione angiografica. Con le stesse tecniche endovascolari, attraverso due piccole incisioni a livello inguinale, la Cardiochirurgia di Teramo sta trattando anche pazienti con aneurismi che coinvolgono contemporaneamente l’aorta toracica e addominale, che altrimenti dovrebbero essere sottoposti a complesse procedure chirurgiche con incisioni molto ampie coinvolgenti torace ed addome per intero.

Presente alla conferenza stampa un paziente, Claudio Di Donato, che a giugno è stato sottoposto a una plastica mitralica in minitoracotomia e ha raccontato come a due giorni dall’intervento è tornato a camminare ed è stato dimesso dopo una settimana. 

Leave a Comment