Siviglia, una sconfitta imbarazzante

ROMA – Una sconfitta pesante ed umiliante che non ha attenuanti. Il Siviglia Wear Teramo esce sconfitto dal Pala Lottomatica (78-61) al termine di un match giocato dai biancorossi nel peggiore dei modi. Imbarazzante il terzo quarto giocato da Teramo, capace di incassare un parziale di 25-11 che ha permesso agli uomini di Repesa di toccare anche un devastante 69-36. Da quel momento in poi la gara non ha in pratica avuto più storie perchè il 15-0 fatto registrare da Carra e soci in avvio di ultimo quarto è la naturale conseguenza di una Lottomatica stanca e con la testa altrove. Un vero e proprio capitombolo dunque per i ragazzi di Bianchi che hanno tenuto testa all’avversario solo nei primi cinque minuti (10-9) ma che hanno ancora una volta palesato tutti i propri limiti caratteriali e tecnici. Il crescendo laziale è stato praticamente costante senza che nessuno degli aprutini riuscisse ad arginare lo strapotere capitolino. L’unico argomento di consolazione della giornata è la doppia sconfitta di Varese e Scafati: troppo poco però per giustificare e rendere meno amaro il ko incassato dal Teramo. Urgono seri rimedi prima che sia troppo tardi.
Questo lo scout dell’incontro:
Lottomatica Roma-Siviglia Wear Teramo 78-61
LOTTOMATICA: Giachetti 0, D’Alessio ne, Fucka 6, Tonolli 5, De La Fuente 9, Drejer 2, Lorbek 13, Bagnoli 2, Ray 12, Hawkins 11, Gabini 9, Ukic 9. All. Repesa.
SIVIGLIA: Yasakov ne, Brown 10, Valentino ne, Tucker 4, Poeta 6, Yango 4, Migliori 5, Powell 4, Marzoli ne, Lulli 2, Carra 14, Tskitishvili 12. All. Bianchi.
ARBITRI: Facchini, Pozzana e Materdomini.
NOTE: parziali 22-13, 44-28, 69-39. Teramo: tiri da due 10/24, tiri da tre 8/24, tiri liberi 17/23. Roma: tiri da due 23/39, tiri da tre 8/26, tiri liberi 8/13. Spettatori: 4563. Presenti circa 150 sostenitori teramani.

Leave a Comment