Il Teramo saluta il vecchio Comunale

TERAMO – Salutare il vecchio Comunale nel migliore dei modi. Il Teramo calcio è pronto per giocare domani l’ultima sfida nel glorioso impianto sportivo cittadino che da sabato 22 marzo sarà sostituito dal nuovo stadio di Piano D’Accio. Un pezzo di storia che se ne va, un pezzo di storia che racchiude mille ricordi della Teramo calcistica. Ultimo avversario che il Comunale ospiterà sarà il Cuoiopelli, formazione toscana senza grandi pretese di classifica ma comunque da non sottovalutare. La compagine di Santa Croce sull’Arno occupa al momento al quintultima posizione in graduatoria, con appena trenta punti all’attivo. Il Cuoiopelli scenderà però in Abruzzo reduce da un buon momento di forma che lo vede imbattuto da tre giornate nelle quali ha conquistato la bellezza di sette punti (sei di questi contro Portroguaro e San Marino). A colpire maggiormente è però il dato statistico relativo alle 4 vittorie esterne e ai 3 pareggi a domicilio raccolti dall’undici fiorentino che sta costruendo parte della propria salvezza proprio nelle sfide giocate lontane dal terreno amico. Il Teramo, dal canto suo, ha invece l’assoluta esigenza di superare un periodo difficile nel quale Nordi e soci hanno raccolto appena 1 punto in tre gare, subendo ben 5 reti ma senza riuscire a segnarne alcuna. Il tecnico Rossi mostra però una contagiosa e preziosa voglia di riscossa: " Dobbiamo tornare al successo e spero che gli allenamenti intensi di questa settimana siano serviti ad eliminare alcuni problemi registrati nel recente passato". Sul fronte formazione, l’allenatore biancorosso recupera Cascone ma deve fare a meno di Gardella e Mangoni squalificati. Spazio dal primo minuto per Del Grande a centrocampo, con Niscemi out per infortunio. Fiducia a Cerchia, panchina per Andreulli. La gara avrà inizio alle ore 14.30 e sarà diretta dal signor Stefano Pagano di Torre Annunziata. In occasione del match contro il Cuoiopelli, le donne ed i ragazzi sotto i 15 anni avranno la possibilità di entrare gratis allo stadio.

Leave a Comment