Il ricordo di Alberto Pepe, “costruttore dell’Europa dell’Oggi”

Nel giorno della memoria, il nipote Alberto Melarangelo ricorda il nonno martire TERAMO L’Olocausto, la Shoah, il giorno della memoria. Teramo ricorda Alberto Pepe, il martire teramano deportato e morto nel campo di concentramento di Unterluss nell’aprile 1944, dopo essere stato catturato dai tedeschi nel settembre 1943. Ce lo ricorda la ‘pietra d’inciampo’, il cubetto in porfido ricoperto da una lamella d’ottone, che l’artista tedesco Gunter Demnig pose il 12 gennaio del 2016 sotto l’ultima abitazione di Pepe, in via del Castello, a Teramo. “Monito – ha detto il sindaco…

Continua a leggere