Sit-in dei poliziotti penitenziari: “Sicurezza a rischio a Castrogno”

Penitenziario nell’occhio del ciclone: i detenuti sono il 150% in più, gli agenti il 35% in meno. I sindacati uniti contro il Dap. Solidarietà di Sottanelli e D’Alberto TERAMO – E’ affidata a un lungo documento, l’ennesimo consegnato alla direzione del carcere o ai vertici della direzione amministrativa penitenziaria, la ‘traduzione’ per iscritto della protesta andata in scena questa mattina davanti al carcere di Castrogno da parte delle rappresentanze sindacali della polizia penitenziaria teramana. Le sigle sindacali Sappe, Osapp, Uspp e CGIL (rappresentate da Giuseppe Pallini, Nicola Di Felice, Massimo…

Continua a leggere

Sovraffollamento e suicidi in carcere, gli avvocati scioperano

Domani anche a Teramo le toghe aderiscono all’astensione dall’attività giudiziaria indetta dall’Unione delle Camere Penali italiane: “Nei primi due mesi del 2024, ogni due giorni un detenuto si è tolto la vita” TERAMO – Anche gli avvocati protestano per la dura condizione delle carceri italiane. Lo faranno domani, in tutta italia, e anche al tribunale di Teramo, astenendosi dalle udienze e dalle attività forensi, fatta eccezione quelle che riguardano i detenuti. Anche la Camera Penale ‘Giuseppe Lettieri’ di Teramo’ ha aderito allo sciopero indetto dall’Unione delle Camere penali italiane per…

Continua a leggere

L’autopsia su Patrick conferma la morte per impiccamento e non rivela altri segni sul corpo

E’ stata eseguita all’ospedale Mazzini sul corpo del detenuto 20enne trovato senza vita nella sua cella della sezione osservazione del carcere di Castrogno TERAMO – L’autopsia sul corpo di Patrick conferma l’asfissia e conferma la presenza sul corpo dei segni classici dell’impiccamento. Esclude la presenza di altri elementi che possano far ipotizzare colpi da corpi contundenti o da pestaggi, vale a dire contusioni o ecchimosi. L’esame medico legale sul corpo del 20enne rom di Giulianova, impiccatosi nella notte di mercoledì nel bagno della sua cella nella sezione osservazione del carcere…

Continua a leggere

Domani l’autopsia su Patrick. Sottanelli in visita ispettiva a Castrogno: “Sono scioccato”

I famigliari del 20enne in cella sostengono che non si è trattato di un suicidio. Il deputato di Azione presenterà un esposto alla procura sulle condizioni detentive e quelle precarie del personale di custodia TERAMO – Si terrà domani, all’ospedale di Teramo, l’esame autoptico sulla salma di Patrick Guarnieri, il detenuto 20enne impiccatosi alle inferriate della finestrella del bagno annesso alla sua cella di detenzione nel carcere di Castrogno a Teramo. Il magistrato ha affidato l’autopsia al medico legale Giuseppe Sciarra. Sul tragico evento, il terzo in un anno e…

Continua a leggere

Detenuta aggredisce dottoressa del pronto soccorso del Mazzini

La donna aveva minacciato di ferirsi con una lametta: nella colluttazione per bloccarla era rimasta ferita una agente penitenziaria e per questo entrambe erano finite all’ospedale TERAMO – Ha minacciato di tagliarsi la gola con una lametta, ma è stato bloccata dopo una colluttazione con le agenti di polizia penitenziaria intervenute per salvarle la vita. Nella bagarre una poliziotta è rimasta ferita dalla lametta impugnata dalla detenuta e ha dovuto far ricorso anche lei alle cure del pronto soccorso, dove sono state entrambe trasportate. Una volta in ospedale, la detenuta…

Continua a leggere

Castrogno, promozione per il comandante delle Fiamme azzurre Recchiuti

Per lui arriva il giusto riconoscimento ad una brillante carriera: da primo dirigente si trasferisce al carcere di Padova. Al suo posto funzioni a Igor De Amicis TERAMO – Livio Recchiuti, da anni comandante del Reparto di polizia penitenziaria della Casa circondariale di Teramo, originario di Notaresco, decorato con medaglia d’argento al merito di servizio, croce di bronzo per anzianità di servizio e lode ministeriale, e che ha svolto la propria attività lavorativa in anche altre sedi da Volterra a Pesaro, a Pescara, e stato recentemente promosso Primo Dirigente. Lascia…

Continua a leggere

Castrogno, tutto tace. E D’Alberto scrive un’altra volta al ministro Nordio

Dopo l’evasione, gli incidenti e le aggressioni, nessuno si è messo avanti per trovare una soluzione. Eppure in campagna elettorale il sottosegretario Delmastro venne e promise assunzioni di personale TERAMO – Nonostante la rocambolesca fuga da film del detenuto albanese, nonostante i tentativi di appiccare il fuoco alle celle e le ripetute aggressioni ai danni di agenti di polizia penitenziaria, della drammatica situazione del carcere di Castrogno sembra non interessare a nessuno. Spenti i riflettori mediatici nazionali, che hanno sbattuto in prima pagina l’evasione dal penitenziario teramano, tutto è finito…

Continua a leggere

Evasione da film, con la fune portata dal drone. Ecco come è scappato il detenuto: lo aveva già fatto a Pisa

Il velivolo telecomandato ha issato la corda alpinistica che i complici avevano fissato nella parte più bassa del muro di cinta. Poi il ‘volo’ dal terzo piano in diagonale. uscendo da una finestrella di 30 centimetri. Nel 2010 fu ripreso dopo qualche mese TERAMO – Come in un film e con la più banale delle azioni, quasi ‘elementare’ per dirla alla Sherlock Holmes: l’evasione dal carcere di Castrogno, la prima nella storia di questo supercarcere destinato all’origine solo ai detenuti in attesa di giudizio e oggi diventato ‘albergo’ superaffollato, ha…

Continua a leggere

Detenuto albanese evade dal carcere di Castrogno

Secondo quanto si apprende, avrebbe segato le sbarre della cella e si sarebbe calato all’esterno con una corda, secondo la più classica e clamorosa delle fughe TERAMO – Un detenuto 40enne di origini albanesi, con lunga pena da scontare, è evaso nella notte dal carcere di Castrogno, a Teramo. Lo rende noto Gennarino De Fazio, del sindacato Uilpa Polizia penitenziaria, spiegando in una nota che “da quanto si apprende, probabilmente avvalendosi di un filo d’angelo, avrebbe tagliato le sbarre della finestra della propria cella posta al terzo piano dell’edificio per…

Continua a leggere

Dalla protesta sulla gru di Rebibbia al tentativo di suicidio a Castrogno

Il detenuto 45enne che lo scorso 6 agosto fu protagonista della clamorosa rivolta a Roma voleva impiccarsi nel reparto osservazione: salvato dagli agenti penitenziari, adesso è piantonato al Mazzini. Protesta il Sappe: “Noi discarica delle celle romane” TERAMO – Dalla clamorosa protesta su una gru nel carcere di Rebibbia al tentativo di suicidio in una cella di Castrogno. A distanzza di 12 giorni torna protagonista delle cronache carcerarie Marco G., il detenuto 45enne in cella per armi, rapina e minacce, che lo scorso 6 agosto si era reso protagonista della…

Continua a leggere