Prati di Tivo, il Tar sospende l’iter per la vendita a Persia ma tra le righe ‘boccia’ Finori

Udienza di merito fissata all’8 giugno con decreto monocratico del presidente che scrive: “Ricorso confuso e che potrebbe dipendere da un’altra aggiudicazione annullata da questo tribunale” (i giudici sono gli stessi che hanno giudicato su Monte Piselli) TERAMO – Il presidente del Tar Abruzzo, Umberto Realfonzo, con proprio decreto, ha concesso la sospensiva richiesta da Marco Finori dell’efficacia degli atti con cui la Gran Sasso Teramano gli ha revocato l’aggiudicazione degli impianti dei Prati di Tivo e di Pratoselva, e la relativa gestione temporanea. E ha anche fissato l’udienza per…

Continua a leggere

I Persia confermano l’acquisto: firma dal notaio il 26 maggio

Prati di Tivo e Pratoselva: l’assemblea Gst ratifica il deposito della proposta e dell’assegno di cauzione. Finori dovrà restituire gli impianti entro la fine di giugno TERAMO – Limati gli ultimi dettagli legati a garanzie fidejussorie, inventario dei beni e usi civici sull’albergo di Pratoselva, i fratelli Ottavio e Renato Persia hanno confermato questa mattina l’acquisto degli impianti di risalita dei Prati di Tivo e di Pratoselva. La conferma ufficiale è stata depositata assieme all’assegno circolare di 100mila euro a titolo di deposito cauzionale. Come da noi anticipato lo scorso…

Continua a leggere

Prati di Tivo verso la svolta, gli imprenditori Persia sono disponibili all’acquisto

Hanno accolto la richiesta della Gst e prepara caparra e fidejussione da inviare al commissario liquidatore per poi firmare dal notaio. E gestiranno la stagione estiva TERAMO – Dopo tanti mesi di brutte notizie per i Prati di Tivo sembra arrivare qualcosa di buono. I fratelli imprenditori Renato e Ottavio Persia, avrebbero infatti dichiarato la propria disponibilità all’acquisto degli impianti dei Prati e di Pratoselva, come stabilito dal bando emesso dalla Gran Sasso Teramano, dopo la mancata aggiudicazione alla ditta Marco Finori, che non si è presentato dal notaio per…

Continua a leggere

Prati di Tivo, tocca ai Persia far ‘saltare’ Finori: se non accetta la gestione estiva resta come prima

L’assemblea dei soci della Gst ha votato la revoca della vendita all’imprenditore marchigiano ma soltanto se il secondo offerente accettasse (a 1,5 milioni di euro). Altrimenti i tempi di un altro bando manterrebbero in piedi la proroga dell’esercizio TERAMO – Ci sono volute quasi tre ore di discussione per decidere di chiamare il secondo offerente nel bando di vendita degli impianti dei Prati di Tivo, l’impresa dei fratelli Persia e valutare se c’è la disponibilità a trattare il passaggio delle proprietà della Gran Sasso Teramano (eccetto la seggio-cabinovia) al prezzo…

Continua a leggere

Finori non si presenta dal notaio, Gst al bivio: ipotesi Persia o nuova gara

Prati di Tivo: il gestore stamattina doveva firmare l’atto di acquisto degli impianti. Martedì l’assemblea dei soci cambierà strategia? TERAMO – Quello che poteva e doveva essere un banco di prova per capire le vere intenzioni nell’investimento sui Prati di Tivo di chi fino ad oggi ha tenuto aperti a tozzi e bocconi gli impianti della stazione turistica teramana, si è rivelato pietra tombale per il rapporto tra la Gran Sasso Teramano e la ditta Marco Finori. All’appuntamento fissato dal commissario liquidatore Gabriele Di Natale, questa mattina ad Alba Adriatica,…

Continua a leggere

Prati di Tivo: ok all’assegnazione al privato, Finori o Persia

L’assemblea vota all’unanimità la data del 30 aprile entro la quale la Gran Sasso Teramano deve cedere il ramo d’azienda. Poi si vedrà chi firmerà il contratto dei due partecipanti al bando. Il Comune di Pietracamela ritirerà la diffida TERAMO – Come avevamo anticipato, una delle strade percorribili per la riapertura dei Prati di Tivo è quella della liquidazione della Gran Sasso Teramano e dell’assegnazione della proprietà degli impianti a un proprietario privato: che nel caso non dovesse essere la ditta Marco Finori, potrebbe essere quella dei fratelli Persia, che…

Continua a leggere

VIDEO/ Prati di Tivo, la ‘resa’ del gestore deve costringere la Provincia ad agire prima dell’estate

E’ l’unico modo per riaprire davvero nella bella stagione e rifondare. Magari cercando l’imprenditore escluso dal primo bando (mai aggiudicato) TERAMO – Se non bastassero almeno una decina di ‘pec’ di sollecito affinché facesse di tutto per aprire gli impianti di risalita dei Prati di Tivo, a sancire il fallimento della gestione Finori ai Prati di Tivo è stato lo stesso imprenditore, che nella riunione di ieri in Provincia ha ammesso di non essere in grado di poter aprire la stazione di risalita (per il terzo inverno consecutivo dal 2019)…

Continua a leggere

Auguri La Gran Baita, l’idea di Aladino che ha fatto la storia dei Prati di Tivo

Domani festeggia i 60 anni il primo hotel nato nella stazione turistica, mèta indiscussa del boom degli anni ’80. Il capostipite della famiglia Parogna fu il pioniere della zona PIETRACAMELA – Sessanta anni ed è ancora lì, ‘monumento’ a una intuizione che nemmeno le sciagurate scelte politico-amministrative dei giorni d’oggi possono scalfire: ‘La Gran Baita’, il primo albergo ad avviare la sua attività ai Prati di Tivo, domani compie 60 anni. Era il 3 marzo 1962 quando in questa località ai piedi del Gran Sasso c’erano solo piccole abitazioni sparse…

Continua a leggere

A fine stagione invernale la Provincia convoca gli operatori dei Prati di Tivo

L’incontro organizzato da Di Bonaventura arriva dopo la sollecitazione dei ‘pretaroli’ che hanno indicato Di Ludovico quale portavoce TERAMO – Arriva forse con un pò di ritardo la convocazione, da parte del presidente della Provincia Diego Di Bonaventura, della riunione sul futuro degli impianti sciistici dei Prati di Tivo. Domani pomeriggio, 3 marzo, infatti, nella sala consiliare dell’Ente in via Milli, si terrà un incontro – sollecitato peraltro dagli operatori turistici della stazione turistica del Gran Sasso teramano -che vogliono avere chiarimenti sul futuro degli impianti di risalita e sui progetti per…

Continua a leggere

Prati di Tivo, boom di gente e senza impianti. Che non riapriranno, ma la Provincia compra altri ‘cannoni’

Una volta la scusa era la forma con l’Asbuc, adesso manca il Piano valanghe e la stazione non è in grado di ripartire. Però l’Ente ‘investe’ 2,4 milioni di euro della Regione anche per l’impianto di neve artificiale PIETRACAMELA – Il boom di presenze ai Prati di Tivo nel fine settimana, in particolare domenica, non fa che aumentare il rammarico per una potenziale ripresa attraverso gli impianti di risalita (che sono chiusi) che altrove, in Abruzzo, stanno costituendo oro per i gestori di funivie e seggiovie e gli imprenditori che…

Continua a leggere