Prati di Tivo: la Provincia non paga, i soldi per l’Asbuc li trova Di Natale. Apertura non prima di Ferragosto?

Mentre Finori aspetta l’ok dell’Ustif per avviare le manutenzioni, gli usi civici concedono uno sconto alla Gst e il permesso sui terreni. Eppure l’Ente si era detto pronto a sborsare 30mila euro di un vecchio debito TERAMO – Prati di Tivo, apertura estiva della seggiocabinovia. Dove eravamo rimasti? Sono trascorsi altri dieci giorni dalla riunione tra il presidente della Provincia, Diego Di Bonaventura, il gestore Marco Finori (che ha fatto ricorso al Consiglio di Stato, udienza di merito fissata al 13 settembre), il commissario liquidatore della Gran Sasso Teramano, Gabriele…

Continua a leggere

Prati di Tivo: prima di riaprire bisogna certificare le manutenzioni

La riunione tra Di Natale e Finori convocata da Di Bonaventura: dopo i battibecchi, un passo avanti. Ma intanto la stagione estiva corre… TERAMO – E’ partita con un battibecco questa mattina l’incontro (che doveva essere risolutivo) tra l’imprenditore e gestore temporaneo degli impianti dei Prati di Tivo, Marco Finori, il liquidatore della Gran Sasso Teramano, Gabriele Di Natale e il presidente della Provincia, Diego Di Bonaventura per poi quasi arenarsi sull’interpretazione di carte e necessità di firme ulteriori. Alla fine, dopo due ore abbondanti di discussioni, tra due parti…

Continua a leggere

Prati di Tivo: trovati i soldi per i canoni, ma la convocazione di Finori slitta a lunedì

Altri tre giorni in meno sulla tabella di marcia per la riapertura: l’imprenditore è impegnato e non può rispondere alla convocazione del presidente della Provincia per ‘riprendere’ la gestione. Si farà in tempo? TERAMO – Prati di Tivo, atto terzo. Mentre il Consiglio di Stato alle 13 ha notificato a Marco Finori la conferma della sospensiva dei provvedimenti emessi nei suoi confronti dalla Gst (revoca vendita e gestione e imposizione di restituire i beni), che sostanzialmente non modifica nulla nella vicenda, l’assemblea dei soci ha trovato la soluzione per il…

Continua a leggere

Anche la Provincia mette in campo le ruspe per lo sfalcio

“Abbiamo anticipato il programma su 1.500 chilometri di strade – dice il presidente Di Bonaventura – nonostante le difficoltà per il nostro Ente” TERAMO – Con un mese di anticipo rispetto alla prassi degli ultimi anni, la Provincia ha dato il via al ‘piano sfalcio’ sulla rete stradale provinciale. “Cerchiamo di recuperare operatività con una migliore organizzazione – dichiara il presidente Diego Di Bonaventura – e siamo riusciti ad anticipare il lavoro di sfalcio che nel nostro caso impegna una rete di 1.500 chilometri. Non è scontato, in questo momento le Province…

Continua a leggere

Bellachioma (Lega) punta dritto su Di Bonaventura: “Gestione ambigua del suo ruolo”

Ancora tensioni nel rapporto con il presidente della Provincia (vicinissimo all’ufficialità dell’ingresso in FdI) dopo il “trattamento sensibilmente diverso” per Pavone rispetto al sindaco giuliese Costantini TERAMO – E’ sempre più teso il rapporto a distanza tra la Lega e il presidente della Provincia di Teramo, Diego Di Bonaventura. Nonostante gli impegni e le garanzie di quest’ultimo a rivedere la formazione del suo ‘esecutivo’, come richiesto da sindaco di Giulianova, Jwan Costantini, a tutt’oggi non ci sono novità e anzi, ormai sembra che nella programmazione del nuovo consiglio con il…

Continua a leggere

Prati di Tivo: ok all’assegnazione al privato, Finori o Persia

L’assemblea vota all’unanimità la data del 30 aprile entro la quale la Gran Sasso Teramano deve cedere il ramo d’azienda. Poi si vedrà chi firmerà il contratto dei due partecipanti al bando. Il Comune di Pietracamela ritirerà la diffida TERAMO – Come avevamo anticipato, una delle strade percorribili per la riapertura dei Prati di Tivo è quella della liquidazione della Gran Sasso Teramano e dell’assegnazione della proprietà degli impianti a un proprietario privato: che nel caso non dovesse essere la ditta Marco Finori, potrebbe essere quella dei fratelli Persia, che…

Continua a leggere

Costantini e la Lega sgambettano Di Bonaventura: salta il primo consiglio provinciale

Il neo coordinatore della Lega non si presenta e con le assenze di Luzii e della minoranza viene a mancare il numero legale. Il Carroccio vuole anticipare l’addio al presidente della Provincia TERAMO – Salta il primo consiglio provinciale dopo la convalida degli eletti e soprattutto l’assegnazione, con notevole ritardo, delle deleghe. Determinanti per il rinvio è stata l’assenze del neo coordinatore provinciale della Lega, il sindaco di Giulianova Jwan Costantini e di Giovanni Luzii: defezioni, almeno per il primo, telecomandate all’interno della resa dei conti nel centrodestra di maggioranza.…

Continua a leggere

VIDEO/ Vai a una riunione sui Prati di Tivo e capisci meno di prima: e gli impianti restano chiusi

Gli operatori chiedono risposte sui programmi, ma nessuno sa spiegare perchè la stazione non apra. Tra siparietti e rancori, la situazione resta la stessa di sempre TERAMO – Forse non è vero che sui Prati di Tivo non si capisca nulla. La riunione di questa sera in Provincia – chiesta dagli stessi operatori preoccupati del futuro della stazione turistica – è stata, per questo, chiarificatrice. Si è capito, eccome, che nessuno ci ha capito qualcosa. Il paradosso è suggerito non solo dal siparietto da commedia all’italiana fornita da alcuni degli…

Continua a leggere

Provincia, Frangioni vice. Per Costantini deleghe pesanti, a Pavone l’edilizia scolastica. Dentro anche Luzii e Corona

A due mesi dalle elezioni, Di Bonaventura ‘partorisce’: confermati Cardinale e Di Lorenzo. Il nuovo vicepresidente (il più votato) perde la Scuola e prende Cultura, Patrimonio e Pari Opportunità TERAMO – Crediamo che a nessuno sconvolga la vita sapere che in Provincia il dado è tratto, ovvero che Diego Di Bonaventura ha finalmente assegnato le deleghe. Ma è così, con incredibile ritardo, a distanza di oltre due mesi dalle elezioni di secondo livello che ha rinnovato l’intero consiglio. Con la premessa che il vicepresidente sarà Luca Frangioni, il candidato più…

Continua a leggere

Prati di Tivo, boom di gente e senza impianti. Che non riapriranno, ma la Provincia compra altri ‘cannoni’

Una volta la scusa era la forma con l’Asbuc, adesso manca il Piano valanghe e la stazione non è in grado di ripartire. Però l’Ente ‘investe’ 2,4 milioni di euro della Regione anche per l’impianto di neve artificiale PIETRACAMELA – Il boom di presenze ai Prati di Tivo nel fine settimana, in particolare domenica, non fa che aumentare il rammarico per una potenziale ripresa attraverso gli impianti di risalita (che sono chiusi) che altrove, in Abruzzo, stanno costituendo oro per i gestori di funivie e seggiovie e gli imprenditori che…

Continua a leggere